REDAZIONE NOICOMUNISTI

Vanno fatte alcune precisazioni in merito alla “mancata presa del potere nel primo dopoguerra da parte del Pci”.

  • La situazione internazionale: l’URSS usciva da un tremendo conflitto, l’armamento nucleare USA, l’esperienza della durissima sconfitta in Grecia al tentativo di presa del potere da parte del Partito Comunista, la politica quantomeno “ambigua” della Jugoslavia di Tito, la presenza di truppe USA, la possibilità di un intervento di truppe francesi e inglesi.
  • Il PCI era sì molto forte ma non disponeva di armi sufficienti, di un servizio di informazioni ecc (vedere nell’articolo i rilievi di Stalin)
  • Quindi non è che il PCI abbandonò l’idea della presa del potere per ragioni revisionistiche ma per considerazioni strategico militari

In questo caso, la critica rivolta a Togliatti non deve essere incentrata tanto sull’abbandono dell’idea dell’insurrezione ma sul fatto che egli se ne servì per spingersi fino alla progressiva e totale eliminazione dal PCI, di tutti gli elementi provenienti dalla lotta partigiana.

alvaro
Il tenente Alvaro e alcuni partigiani che poi saranno membri della Volante Rossa

DA UN ARTICOLO INEDITO SULLA QUESTIONE DELL’INSURREZIONE ARMATA E DEL PCI DI DAVIDE SPAGNOLI

“Dal 12 al 14 dicembre 1947 Pietro Secchia, all’epoca Vicesegretario del PCI e responsabile dell’Ufficio Organizzazione, è a Mosca per una serie di incontri con Zdanov e con Stalin. Il 1947 è un anno estremamente duro per il PCI. Il I maggio, come abbiamo visto, avviene la strage di Portella della Ginestra, il 2 giugno De Gasperi espelle i comunisti dal governo. Sempre in giugno continua l’attacco armato nei confronti del PCI e delle sue sedi in Sicilia, in luglio viene formata una fitta rete di organizzazioni reazionarie parafasciste, e falsi raggruppamenti comunisti e socialisti che hanno lo scopo di fare da agenti provocatori contro la sinistra. Il nuovo governo De Gasperi fa piazza pulita di tutti i partigiani entrati nella pubblica amministrazione e in novembre viene rimosso il prefetto di Milano Ettore Troilo, l’ultimo proveniente dalla Resistenza. In tutta Italia i comunisti vengono espulsi dai luoghi di lavoro e gli ex fascisti tornano ad occupare i posti che già detenevano durante il regime di Mussolini. Si moltiplicano anche gli atti di violenza della polizia – nella quale sono fortemente presenti gli ex fascisti – nei confronti degli operai in lotta. Quindi quando Secchia giunge a Mosca il PCI è sottoposto da mesi ad un forte attacco. Durante i colloqui moscoviti Secchia, il 12 dicembre 1947, interroga Stalin chiedendogli « […] Voi ritenete che adesso la situazione internazionale sia tale che si debba evitare nel momento attuale di trasformare la lotta in guerra civile? ».

Vale la pena leggere con attenzione quanto Stalin risponde a Secchia due giorni dopo, il 14 dicembre, « Noi riteniamo che adesso non si debba adottare la linea dell’insurrezione, ma bisogna essere pronti, nel caso il nemico attacchi. Sarebbe bene rafforzare le organizzazioni dei partigiani italiani, accumulare più armi. Sarebbe bene avere un proprio servizio di informazioni, che possa procurare notizie sui piani del nemico. Bisogna farlo, in modo che il nemico non colpisca a sorpresa. Bisogna introdurre qualcuno nei quartier generali e negli organi dirigenti dell’avversario. Se questo è difficile, allora si deve stringere conoscenza con persone che hanno notizie sul lavoro dei quartier generali e degli organi dirigenti dell’avversario. In una parola, bisogna non essere ciechi, ma avere occhi, avere un servizio di informazioni. […] Il compagno Stalin ripete che, così, in primo luogo bisogna avere un servizio di informazioni,preparare i quadri ad esso necessari, e in secondo luogo bisogna avere un servizio di sicurezza. Dal servizio di sicurezza, in seguito, può svilupparsi una forza armata, se sarà necessario. Inoltre bisogna avere propri uomini nelle forze armate del governo e nella polizia. […] » (1)

Stalin, che di insurrezioni s’intende per davvero e conosce profondamente il PCI e i suoi dirigenti, dice apertamente a Secchia che i comunisti italiani sono troppo lontani dall’avere la struttura, l’organizzazione e la massa critica anche solo per poter pensare all’insurrezione. Il Partito Comunista di Togliatti, come abbiamo visto, è proiettato in direzione opposta, e infatti Stalin sottolinea come siano deboli le organizzazioni dei partigiani, scarse le armi, inesistenti il servizio informazione, la penetrazione negli apparati dello Stato e il servizio di sicurezza. Quindi la svolta di Salerno, e con essa il Partito nuovo, non sono un espediente propagandistico finalizzato a nascondere le vere intenzioni insurrezionali dei comunisti, ma rappresenta la reale e concreta trasformazione del PCI che si appresta a difendere la fragile democrazia conquistata con le armi, dandosi, per prima cosa, quella prospettiva politica di lungo respiro che farà del PCI il grande difensore della Repubblica nata dalla Resistenza. Altro che insurrezione, dice Stalin a Secchia, in questo dando un implicito riconoscimento di grande capacità politica a Togliatti, il futuro campo di battaglia per i comunisti italiani sarà la difesa della democrazia, costata al popolo italiano e alle forze democratiche e al PCI in particolare, un prezzo enorme(2). E nonostante la repressione e le provocazioni di De Gasperi, il Partito comunista sarà il vero fulcro dello sviluppo della democrazia italiana. Dunque anche sul piano militare il PCI non aveva preparato niente per la prospettiva dell’ora x dell’insurrezione armata.”

Va aggiunto che Pietro Secchia all’epoca era vice segretario del PCI e responsabile dell’Ufficio quadri, il che significa che era lui che aveva in mano tutta la dirigenza intermedia del PCI, quindi quando Stalin gli dice che non ci sono le condizioni per andare avanti, si riferisce al suo operato, visto il grado e il ruolo che Secchia ricopriva nel PCI. Secchia, non va dimenticato, ha commissariato tutte le federazioni dell’Emilia-Romagna, escludendo dal ruolo e dal grado tutti, ripeto tutti, i segretari coinvolti nella Resistenza. La federazione di Forlì, ad esempio, è stata commissariata dal 1947 al 1956!!! E la decisione fu presa proprio da Secchia!!!
Inoltre Secchia resterà nei ruoli sopra citati fino all’inizio del gennaio 1955.

(1) Dagli archivi di Mosca. L’Urss, il Cominform e il PCI. 1943-1951, Carocci 1998, p. 287

(2)  Ibidem, p. 289-290

Annunci

2 pensieri su “La posizione di Stalin circa l’insurrezione in Italia dopo il 1945

    1. Traditore è una parola immeritata per il compagno Secchia. In realtà, quello che vuole dire l’articolo è che la storia del PCI non può essere schematizzata in questo modo:
      1) Togliatti= male assoluto/revisionismo
      2) Secchia= bene assoluto/ala rivoluzionaria del Partito
      La cosiddetta “Svolta di Salerno” vale a dire la collaborazione del PCI con i monarchici e le altre forze politiche fu voluta da Stalin e portata avanti da Togliatti nonostante una forte opposizione interna. Questa fu una scelta tattica: il nazifascismo era ancora forte ed era importante riunire le forze antifasciste in un fronte unico al fine di sconfiggerlo definitivamente. Inoltre il PCI si sarebbe potuto inserire al governo e avrebbe acquisito una posizione di forza, ma non andò così in quanto la direzione risultò sempre più accondiscendente alle richieste dei gruppi di potere della borghesia italiana che era (e tuttora ancora di più) agli ordini dei gruppi finanziari anglosionisti. Non difese neanche le conquiste ottenute…
      Il Partito fu infiltrato? certamente. La sua direzione era sotto ricatto? Probabilmente.
      Qui si inserisce il discorso Secchia. Da un lato Secchia partecipò alla neutralizzazione degli elementi rivoluzionari del PCI, dall’altro continuò a coordinare la struttura parallela e militare del PCI, ma come correttamente gli fece notare Stalin, l’organizzazione e la forza del Partito non erano in grado di permettere la presa del potere.
      Non dimentichiamo che il Partito era sotto attacco, i fascisti si organizzavano supportati dai servizi americani e inglesi e in Sicilia dalla mafia. I quadri e i militanti venivano uccisi, (vedasi la strage di Portella della Ginestra ad esempio). C’era una forte persecuzione giudiziaria contro molti ex partigiani comunisti. Si gettavano le basi dell’organizzazione Stay Behind che in Italia assunse il nome di Gladio. Lo stesso Togliatti sopravvisse a 2 attentati e Secchia venne avvelenato anni dopo al ritorno di un viaggio in Cile.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...