REDAZIONE NOICOMUNISTI

di Guido Fontana Ros

Per inquadrare correttamente il recente intervento coloniale/militare della Francia, nell’Africa subsahariana, non basta porre l’accento sui giacimenti di minerali strategici presenti in questo poverissimo stato. A tutte le persone mediamente dotate di intelletto, (purtroppo in questo gruppo non paiono rientrare molti comunisti odierni)pare quantomeno curioso che formazioni di combattenti islamici, formate ed equipaggiate dai servizi segreti Usa col supporto degli analoghi francesi e inglesi, le stesse utilizzate per abbattere il regime del colonnello Gheddafi, improvvisamente diventino il nemico da combattere. Le multinazionali che determinano sia la politica USA che quella francese non si sarebbero certo fatto scrupoli di stringere lucrosissimi accordi commerciali con questi branchi di tagliagole.

mali-future-800x600

Vediamo il retropalco. Dobbiamo fare un passo indietro, precisamente nel 2007, quando George W. Bush insieme a Dick Cheney firmò la direttiva per la creazione dell’AFRICOM.

africom0930

Cos’è l’AFRICOM? E’ una struttura militare che ha il compito di supportare la politica USA in Africa. Per dirla con le parole stesse del generale Kip Ward che comanda questa organizzazione. ““in accordo con le agenzie governative statunitensi e gli interlocutori internazionali, (per condurre) azioni a favore della sicurezza attraverso programmi militari e altre operazioni simili, dirette a favorire un ambiente stabile e sicuro in Africa, di supporto alla politica estera statunitense”.
In parole semplici: interventi militari a difesa degli interessi delle corporation.
africom4resized
Perché bisognava creare l’AFRICOM?
Perché l’Africa è il campo di scontro fra 2 imperialismi a causa delle sue ingenti ricchezze, visto che l’altra enorme zona di risorse strategiche la Siberia è saldamente nelle mani di Putin.
Lo scontro tra l’imperialismo del complesso dei monopoli USA e europei da una parte e dall’altra quello dei monopoli cinesi.
Vediamo brevemente i motivi  salienti del confronto:
  1. Pechino, 2000. Creazione del FOCAC, forum di coordinamento  fra Cina e stati africani per sviluppare l’interscambio commerciale
  2. 2008. Completando un tour in Africa che toccò otto nazioni in dodici giorni – la terza visita simile da quando iniziò il suo incarico- il Presidente cinese Hu Jintao annunciò un programma triennale da tre miliardi di dollari di prestiti ed altri aiuti umanitari per l’Africa. Questi fondi si aggiunsero ai 3 miliardi di dollari di prestiti e 2 miliardi di dollari in crediti da esportazione che Hu Jintao aveva già precedentemente annunciato.
  3. Nei quattro anni seguenti, il commercio tra Cina e nazioni africane aumentò vertiginosamente nella misura in cui l’influenza francese e statunitense sul “continente nero” diminuiva. Secondo le statistiche cinesi il volume degli scambi tra Pechino e l’Africa raggiunse i 166 miliardi di dollari nel 2011 e le esportazioni africane verso la Cina – in particolar modo materie prime necessarie all’industria cinese – salirono a 93 miliardi dai 5,6 miliardi del decennio precedente. Nel luglio 2012 la Cina offrì alle nazioni africane 20 miliardi in prestiti per il triennio successivo, un ammontare doppio rispetto ai prestiti concessi nel triennio precedente.
  4. La Cina, per sostenere il suo tasso di crescita del PIL, in media il 9% negli ultimi 2 decenni, ha un bisogno smodato di risorse strategiche. Basti pensare che che del suo import di petrolio, 2,6 milioni di barili di greggio al giorno, quasi la metà proviene dall’Africa.
  5. Le corporation cinesi sotto il controllo governativo sono più scaltre di quelle occidentali. Invece di offrire pesanti imposizioni da parte dell’FMI implicanti pesanti riforme economiche ed austerity, la Cina sta offrendo crediti e generosi prestiti per costruire strade e scuole.

4878_artigo_foreign201409110828000463310043773

Tutto questo cosa ha che vedere con il Mali?

Ad esempio, l’imponente diga, in costruzione ad opera dei cinesi… 3 accordi commerciali firmati un mese prima dell’intervento militare francese fra Pechino e Bamako per un totale di 694 miliardi di reminbi (85.600.000 di euro).
Inoltre, il Primo ministro francese Pierre Moscovici affermò nel dicembre scorso a Abidjan che le imprese francesi devono andare all’attacco e scatenare un’offensiva contro l’influenza della rivale Cina scommettendo su mercati africani sempre più competitivi. ” È evidente che la Cina è sempre più presente in Africa… le imprese (francesi) che hanno i mezzi devono perseguire questa offensiva. Esse devono essere più presenti sul territorio. Esse devono combattere” affermò Moscovici durante un suo viaggio in Costa d’Avorio.Così si chiude il cerchio.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...