REDAZIONE NOICOMUNISTI

di Phil Butler,   …con  New Eastern Outlook,  Mosca

Pubblicato da  Jim W. Dean, Managing Editor . 14 agosto 2016

FONTE

Traduzione di Guido Fontana Ros

mw-ee076_soros__zg_20160127113703-640x360

[Nota del redattore: Phil Butler ha pronto per voi, qui sotto, un pezzo che io chiamo una secchiata di acqua gelata, su uno dei più sporchi e pericolosi “mestatori” del nostro tempo: un uomo che rifiuta di morire, unendosi così alle sue vittime, George Soros.

Giorgino si è fatto il nome portando a un nuovo livello l’arte della truffa manipolando gli alti e i bassi della mercato azionario… a scapito di nazioni e dei loro popoli. E ha sempre avuto una copertura brillante per tutto questo: “Io faccio parte della George Soros Foundation e sono qui per aiuttarvi”.

L’ultima truffa di Soros che ho avuto il tempo di seguire è la carota di un investimento da un miliardo di dollari che ha fatto penzolare davanti al governo golpista ucraino che non solo ha portato ha portato ma anche continua, alla guerra civile fratricida in modo che si impoverissero. Ero curioso di sapere il perché Georgino fosse in prima linea con  il suo contante, quando la situazione è totalmente instabile ed imprevedibile.

Alla fine i giochi venivano alla luce. Egli stava riavendo indietro i suoi miliardi di dollari, mentre stava facendo azione di lobbyng per un fondo di investimento da 50 miliardi di dollari che veniva istituito per parargli le spalle,  per far andare al rialzo i suoi acquisti azionari scelti con cura, in modo che potesse ottenere un buon profitto, ma voleva anche che i rischi fossero ridotti a zero.

Così ha fatto azione di lobbyng nell’EU per avere “garanzie” sul portafoglio del prestito di 50 miliardi di dollari, che potrebbe lasciare i cittadini dell’UE ad aprire il borsellino per ripianare il debito quando la merda avesse colpito il ventilatore quando la corruzione ucraina avesse ottenuto il taglio di 50 miliardi dal primo prestito. Georgino sa che con le garanzie del prestito, i prezzi avrebbero portato al rialzo le quotazioni, e quindi avrebbe incassato con calma, lasciando le sue beneamate masse non lavate con le mutande in mano.

I finanzieri dell’EU, vendettero la loro vagonata di angurie molto tempo fa e videro la truffa di Soros in due secondi. Gente, questo è il vostro uomo del popolo dei giorni moderni. Voi non potete proprio fare roba del genere. Lascerò che il fratello Phil vi riempia (senza giochi di parole)  con il resto della storia.  Jim W. Dean.]

phil-butler2
Phil Butler, mente acuta e penna affilata

Pubblicato per la prima volta il 7 agosto 2016

snpk
La vecchia truffa dei rialzi e dei ribassi pilotati in Borsa

Il miliardario George Soros, tecnico dei fondi di investimento, ha le mani in pasta in ogni torta politica che c’è. Se c’è una crisi da qualche parte nel mondo, state pure sicuri che lui ci ha messo le mani.

Sono fatti non nuovi alla maggior parte dei nostri lettori, ma le sottigliezze delle perazioni di Soros, sicuramente lo sono. Questo è il primo di una serie di articoli che ci illuminano su un vero e proprio arci cattivone. Oggi ci concentreremo su  Soros e la presidenza americana.

images-3
Come usare i soli della gente per fare ogni tipo di  porcheria

La surreale competizione elettorale presidenziale dell’America sta giungendo al suo crescendo finale. In una sinfonia di scetticismo, un popolo di una ex grande nazione sono sottoposti alla costante serenata di due note acide amaramente ronzanti nell’aria, “Hillary for President” che sembrano le persone urlare dentro la testa delle persone dotate di una qualche moralità, come se  fossero state fatte scoppiare con le sirene urlanti di un raid aereo.

Per quanto riguarda la scelta di Donald Trump per l’ufficio più alto degli Stati Uniti, i nervosi liberali,  i conservatori et similia, rabbrividiscono al pensiero del primo discorso agli stati dell’Unione da parte di  “The Donald”. Nessuno dei due principali candidati è quello che chiunque definerebbe un candidato  “presidenziale”. le elezioni del 2016 stanno andando esattamente come i manipolatori come George Soros avevano in programma. Ancora una volta la carica della presidenza è organizzata per risultare proprietà  è impostato per essere di proprietà totale dei più grandi ladri del mondo.

Donald Trump è il capro espiatorio ideale per favorire  Hillary Clinton. Turbolento, controverso e molto spaventoso, il costruttore miliardario è noto, come Ronald Reagan, per avere un debole di agire come il personaggio dei cartoni animati Yosemite Sam. Se Trump  portasse  le sue due sei colpi al suo prossimo discorso e si alzasse da terra scaricandole ai suoi piedi, quasi nessuno ne sarebbe sorpreso.

484445
Donald Trump agisce come Yosemite Sam

La ragione per cui è stato scelto per concorrere alle presidenziali è trasparente, nessun altro sulla Terra possiede le stesse qualità divergenti. Trump è allo stesso tempo una credibile figurina di celebrità del potere e allo stesso tempo è totalmente inaccettabile come scelta realistica. Restate sintonizzati, vi è del metodo in questa follia.

hqdefault-320x240
Dovete amarla per la sua “onestà”

Le notizie che ci dicono che George Soros abbia versato più di 25 milioni di dollari ad Hillary e al  Partito democratico ora defunto, non sono una sorpresa. E’ stato Soros a dare una mano a cacciare in gola al popolo americano, Barack Obama. Il miliardario di New York ha una storia di lunga data con Hillary e il marito, che risale ai tempi dell’amministrazione di Bill.

In questa relazione noi vediamo un disegno piuttosto diabolico, se ci guardiamo da abbastanza vicino. nessun insegnante americano vi racconterà mai come un presidente americano abbia dato una mano a rovesciare una legittima e fiorente nazione come la Yugoslavia, ma Soros certamente vi era implicato.

Quando Soros creò la “Soros Yugoslavia”, non era per far progredire il popolo di quella nazione. Leggete il riassunto sulla Open Society Foundations di oggi, se credete che io sogni di cospirazioni.

Soros è così orgoglioso dei suoi sforzi per distruggere la Yugoslavia da commissionare un opuscolo dove sono enumerate le sue iniziative, intitolato “Building Open Society in the Western Balkans, 1991-2011”. Soros è nient’altro che un capitano dell’élite bancaria, un distruttore di stati/nazione e un costruttore di un mondo di popoli indebitati. La sua missione richiede il controllo della presidenza USA e mano libera nel creare nazioni in bancarotta alla ricerca di contanti per la ricostruzione.

La missione è duplice. Per prima cosa si crea un vuoto di credito innescando turbolenze e guerre civili, quindi si riempie il vuoto con selezionati investimenti di capitale, creando eserciti di collaboratori della Open Society. State pur certi che una larga percentuale, di accademici, media e attori governativi che vedete oggi all’opera, sono stati “reclutati” nel gioco da Soros e dagli altri. Tuttavia non andremo troppo lontano e fuori tema, rimaniamo nelle connessioni di Soros con la presidenza USA che andremo a illustrare.

Qualche anno fa, George Soros e il leader yugoslavo marionetta, Ante Marković firmarono un accordo per consolidare gli sforzi di Soros in Yugoslavia, Soros e gli occidentali si prestarono ad aiutare la distruzione del governo di Branko Mikulić, il debito di 21 miliardi di dollari verso i banchieri occidentali era insufficiente per gli standard di Soros. Al suo posto venne messo Ante Marković, l’ultimo leader della Repubblica federale Socialista della Yugoslavia.

us-bombs-yugoslavia44-320x260
Non tutti hanno ricevuto la stessa parte di bottino

Quindi il paese cominciò a sciogliersi e Clinton svolse il suo ruolo: una guerra schiantò vite e strutture, così bisognò far un ricorso ancor maggiore al credito. Al posto di una Yugoslavia debitrice di 21 miliardi di dollari, poterono essere creati 7 stati più deboli che caddero sotto il governo di satrapi.

Questi sono  i fini indiscutibili cui miravano le strategie di Soros e di Bill Clinton. La Yugoslavia, uno stabile stato cuscinetto tra il capitalismo rampante e le nuove idee dell’est, fu distrutta. L’eredità del primo ministro Tito andò incontro a una fine orribile che, solo gli storici revisionisti cercano di abbellire.

E senza dubbio, George Soros è il capo dei revisionisti. Vedete come oppositori chiave del tipo di  Slobodan Milošević (“Sloba”) furono i predecessori di Gheddafi in Libia e di Saddam Hussein in Irak. Un tempo utili per gli americani e i brtannici, questi autocrati furono pugnalati alla schiena e traditi, una volta che non servivano più a nulla.

Milošević fu quasi assassinato, essendo stato lasciato morire, malato, nella prigione dell’Aia, senza alcuna prova vera e propria dei crimini di cui era accusato. Clinton guidò la NATO in infernali bombardamenti sulla Yugoslavia, inventando dei pretesti proprio come fece Bush in Irak.

L’uomo di Soros all’interno,  Ante Marković è ora morto, insieme ai più importanti giocatori della svolta dei Balcani. Tutti sanno che, dopo l’approvazione della Yugoslavia di Soros da parte di  Marković,  la nazione si disintegrò, lasciandosi alle spalle quello che lo scrittore e studioso europeo Bat Ye’or  chiamò “Eurabia” vale a dire uno stato musulmano nel cuore dell’Europa. La BBC di allora era un po’ più sintonizzata sui reali eventi e scrisse:

“Secondo fonti vicine al governo USA, il presidente  Clinton ha autorizzato una campagna aperta per rovesciare Slobodan Milosevic. Fonti citate nella rivista USA Time dicono che, all’inizio di questa primavera Mr. Clinton ha firmato un decreto presidenziale segreto che concede alla CIA “luce verde” per cercare di spodestare il presidente yugoslavo.”

Questo pezzo sulla New English Reviews di Ares Demertzis, descrive nei dettagli quello che l’autore  chiama la “Bill Clinton’s Bastard Army”. Il dogma della  Open Society Foundations oggi propone la “Soros history” degli accadimenti degli anni dal 1989 al 1991 almeno vagamente.Comunque la vera storia sottesa alle pressioni interne della Yougoslavia non viene esposta pubblicamente, ma viene tenuta nascosta. questa citazione da  Global Research, proviene dall’ex comandante supremo NATO , generale Wesley Clark, che ci dice proprio come i Balcani diventarono così frammentati dopo la morte di Tito.

“Dal 1970, egli (Soros) aveva distribuito 3 milioni di dollari l’anno ai dissidenti fra cui, Solidarnosc in Polonia, Carta 77 in Cecoslovacchia e Istituto Andrei Sakharov in Unione Sovietica. nel 1984 fondò il suo Open Society Institute e pompò milioni di dollari  nei movimenti di opposizioni e nei media indipendenti. 

Queste iniziative, in apparenza destinate alla costruzione di una “società civile”, erano designate a indebolire le strutture politiche esistenti e a pavimentare la strada dell’Europa orientale per lo sfruttamento da parte dei capitali globali. Soros ora proclama con caratteristica immodestia che egli fu il responsabile dell’ “americanizzazione” dell’Europa dell’est.”

Come potete intuir da tutto questo, i modelli di azione di Soros nel mondo non sono geniali, sono pratici. Modelli per il successo, modelli per il profitto, questo è tutto quello che la gente sa. I propositi possono essere scorti nella differenza manifesta dei flussi di danaro e dei motivi politici, ma tutto si riduce alla visione ristretta di un intelletto limitato. I Rothschilds e i Rockefellers e i loro tirapiedi alla Soros,  vincono stando ai margini, loro vincono le guerre e vincono ricostruendo le civiltà.

Non si tratta di scienza missilistica e neanche di teorie economiche innovative. Abbattere stati per sgraffignarne le risorse, la strategia dei Baroni ladri del vecchio o nuovo colonialismo, non importa come volete chiamarlo, è mediocre e pigra. Però, questa è la mia opinione sui cosiddetti “banksters”. Sono veramente spiacente per loro, per  quanto la loro eredità possa essere cementata nei più fini marmi, scolpita sui nostri picchi più elevati e nei cuori delle generazioni. Loro appartengono piuttosto al genere di pietosi predatori, troppo avidi per temere perfino la morte.

fight-corporate-fascism11-500x375-320x240

 

Guardate il mondo di oggi. Le notizie che un gruppo di pressione a finanziamento pubblico, chiamato Media Diversity Institute (MDI), stia chiedendo ai media di promuovere solo un punto di vista positivo in Europa circa le minoranze,  al massimo può sembrare una notiziola di sinistra o poco più. Invece l’apprendere che il MDI è finanziato da una commissione europea, dalla Open Society Foundation di  George  e dalle Nazioni Unite, mostra quanto profondamente siano diventati intrecciati gli  interessi e i metodi di Soros.

Nel 2014 l’ Open Society Foundations finanziò un progetto del MDI di contrasto ai cosiddetti “atteggiamenti xenofobi”  ai fini di dipingere l’immigrazione in modo più positivo nel bel mezzo della campagna elettorale per le elezioni europee. Mentre vengono promosse la russofobia e altre forme di discriminazione,  Soros e i suoi alleati puntano il dito in continuazione contro le loro vittime, chiamando per nome i cittadini europei preoccupati, castigando ogni sforzo in contrasto con “l’obiettivo”, che è certamente quello di  finalizzare la conquista globale da parte dell élite bancaria.

Il finanziamento di Soros delle campagne dei Clinton, della campagna di Obama e la sua avversione finta per i presidenti come Bush, è un gioco mortale. Soros è lo scagnozzo finale degli uomini che stanno nel retro. E credetemi , sono per lo più uomini. In questo momento gli Stati Uniti d’America sono in una fase di eccessivamente drastico cambiamento, anche se pochi possono vedere questo. A dire il vero, la maggior parte delle persone nella regione precedentemente nota come Jugoslavia non riesce a rendersi conto di ciò che è stato loro tolto.

Soros e i suoi burattinai contano da sempre sul punto di vista limitato degli esseri umani, concentrato su quello che possiedono.  Un operaio americano è felice solo  perché ha un lavoro. Non sa che senza questi capi mediocri, avrebbe potuto ormai essere in pensione. In Croazia o in  Montenegro, un operaio è incapace di vedere quale sarebbe stato il suo ruolo in una società jugoslava di grande successo. Il potenziale perso è la realtà più volatile. lo schema con cui Soros continuamente manipola e inganna tutti no, consiste nel renderci soddisfatti con meno, mentre promette molto di più.

Soros distrugge,  facendo professione di fare del bene,  in realtà fa il male  e i popoli deveono pagare per essere miserabili. Poi affitta a loro la speranza, vende loro l’illusione di una società nuova, di un mondo migliore in modo che i Rothschilds ci diano un taglio.

Essi portano il governo a tassarci di più per finanziare i loro piani di indebitamento  e accollano tutti i problemi ai loro avversari.

Per loro è un grazioso giochetto, senza fantasia, ma efficace.

Forse è per questo che la crisi di oggi sembra così disperata, perché un Trump debba essere in competizione o contro un secondo Clinton e il motivo per cui l’Europa debba chiamare un taxi ai terroristi per essere uccisa subito dopo.

Annunci

Un pensiero su “NEO – George Soros: chiamiamo un taxi ai terroristi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...