REDAZIONE NOICOMUNISTI

Di YURIY RUBTSOV

FONTE

Traduzione di Guido Fontana Ros

or-37594

La propaganda proveniente da ovest sta facendo del suo meglio per convincere il mondo che, data la crescita della «minaccia esistenziale» posta dalla Russia (per usare le parole del presidente del Joint Chiefs of Staff, il generale Joseph Dunford), solo la solidarietà europea – atlantica è in grado di garantire la stabilità del mondo. E i leader politici e militari dell’alleanza sono ostinatamente aggrappati all’affermare il suo carattere puramente difensivo. Il segretario generale Jens Stoltenberg ha ribadito questo concetto ancora una volta nel corso di una recente intervista del 30 giugno: «La NATO è un’organizzazione di difesa collettiva e ha la responsabilità di garantire la nostra prontezza a difendere tutti gli alleati … [Noi] prenderemo nuove decisioni per rafforzare la nostra difesa e deterrenza». Il segretario generale ha anche dichiarato: «Tutte le nostre misure sono difensive, proporzionate e in linea con i nostri impegni internazionali», ma che «un aumento dell’attività militare della Russia, frequenti e grandi esercitazioni vicino ai confini orientali della NATO e la retorica aggressiva della Russia ci stanno destabilizzando>> .

Tutto questo ci riporta alla mente una recente dichiarazione su questo stesso argomento da parte del ministro tedesco della Difesa, Ursula von der Leyen: la NATO, lei sostiene, è «solo un’alleanza difensiva».

Tuttavia i funzionari della NATO, nonostante la loro evidente malafede  o per scarsa comprensione della storia, non dovrebbero puntare le loro speranze sull’ignoranza e sull’amnesia del mondo. Molte nazioni (e non solo in Europa) sanno tutto dell’ «amore per la pace» dell’Alleanza del Nord Atlantico, alcuni ne ricavano la conoscenza dallo studio della la storia, altri da esperienze in prima persona. E’ facile capire perché il portavoce del ministero della Difesa russo ha immediatamente reagito alla dichiarazione del capo dell’apparato militare tedesco: «Per quanto riguarda l’affermazione della natura difensiva delle azioni dell’alleanza, varrebbe la pena di dare un altro sguardo alle drammatiche conseguenze delle operazioni della NATO in Jugoslavia [nel 1999] e in Libia [nel 2011]. Il ministro tedesco della Difesa, Ursula von der Leyen, potrebbe spiegare al mondo intero,  esattamente chi l’alleanza difendeva così disinteressatamente e con tale generoso uso di munizioni?»

Ai tempi in cui vivevamo in un mondo decisamente bipolare, l’Organizzazione del Trattato di Varsavia (OMC) che era un deterrente che avrebbe potuto resistere alla NATO, se n’andata in punta di piedi. Ma dopo la dissoluzione del Patto di Varsavia, la NATO ha iniziato la sua trasformazione in una forza che ha assunto l’autorità di decidere quasi da sola, quali fossero le nazioni da punire per la loro incapacità di vivere secondo gli  «standard occidentali di democrazia>> e questo  lento, processo furtivo è stato accompagnato da una copiosa retorica politica, dalla demagogia, e a titolo definitivo dalla doppiezza.

La Carta di Parigi per una nuova Europa, adottata dalla CSCE nel novembre 1990, sembrava segnare la fine ufficiale di un’epoca di scontro e divisione. «La sicurezza è indivisibile», la Carta proclamava, «e la sicurezza di ogni Stato partecipante è indissolubilmente legata a quella di tutti gli altri. Ci impegniamo pertanto a cooperare per rafforzare la fiducia e la sicurezza fra di noi ». Questa retorica ispirazione si riflette nella Dichiarazione di Roma del Consiglio Nord Atlantico del 7-8  novembre 1991, che afferma che «il mondo è cambiato radicalmente» e che la sicurezza nella regione euro-atlantica è notevolmente migliorata rispetto ai precedenti quattro decenni. Coloro che parteciparono a  quella sessione, ammisero che «la sfida che dovremo affrontare in questa nuova Europa non può essere esaurientemente guidata da una sola istituzione … Di conseguenza, stiamo lavorando verso una nuova architettura di sicurezza europea in cui la NATO, la CSCE, la Comunità europea, l’UEO e il Consiglio d’Europa si completino a vicenda».

Naturalmente il Patto di Varsavia non è stata incluso tra quelle organizzazioni, dal momento che l’alleanza militare dei paesi ex socialisti era stata sciolta il 31 marzo 1991. Ma i suoi ex stati membri non erano andati da nessuna parte e gli sforzi per «distruggerli dal di dentro»  iniziarono abbastanza innocentemente con il loro invito nel Consiglio di Cooperazione del Nord Atlantico (NACC), che fu istituito nel dicembre dello stesso anno. In un primo momento il consiglio incorporò i paesi della NATO, nonché altri nove Stati  dell’Europa orientale e centrale (CEE) . Poi marzo 1992 tutte le nazioni della CSI aderirono al NACC  e la Georgia e l’Albania furono aggiunte nel mese di giugno. I leader occidentali, mentre si crogiolavano nella loro vittoria della Guerra Fredda, con «delicatezza» fecero una domanda ovvia: se il Patto di Varsavia era stato sciolto, perché c’era ancora bisogno di mantenere l’alleanza del Nord Atlantico?

I leader della NATO proclamarono che il NACC aveva lo scopo di porre le basi per la futura sicurezza dell’Europa. Per fare questo, l’alleanza si propose di fornire assistenza pratica ai paesi ex socialisti, al fine di aiutarli a risolvere le sfide del loro «periodo di transizione». Il compito dei leader dell’Alleanza fu facilitato dalle procedure di governance del NACC, che erano state approvate con largo anticipo e con un’attenta intenzione: i suoi membri erano paesi prevalentemente NATO e non vi era alcun principio del processo decisionale basato sul consenso. Oggi è chiaro che questo era il modo in cui furono poste  le basi per il processo di trasferimento di questi stati (non solo i paesi ex socialisti, ma anche ex repubbliche sovietiche) verso gli standard politici e militari occidentali.

Il passo più importante in questa direzione fu l’iniziativa della NATO di insediare i paesi NACC in un nuovo programma di cooperazione e partenariato per la pace (PfP), che era stato elaborato negli Stati Uniti e le cui cheerleaders attive includevano Zbigniew Brzezinski ed Henry Kissinger. I suoi obiettivi ufficiali includevano  «facilitare la trasparenza nella pianificazione della difesa nazionale e processi di finanziamento» e «mantenere la capacità e la disponibilità a contribuire alle operazioni sotto l’autorità delle Nazioni Unite e/o la responsabilità dell’OSCE», ecc. Ma in realtà, il programma svolgeva un ruolo centrale nel movimento del blocco verso il confine con la Russia.

I paesi dell’Europa orientale (che poi diventarono i primi a ingrossare i ranghi della NATO) attivamente aiutarono i sostenitori della espansione verso est dell’Alleanza convertendo il PfP dalla sua posizione di alternativa ad una espansione della NATO in una «sala d’attesa» per i suoi futuri membri. Già nell’ottobre 1991, i ministri degli esteri di Polonia, Ungheria, Cecoslovacchia espressero il desiderio dei loro paesi di prendere parte al lavoro del blocco. Questa iniziativa trovò sostegno nel dicembre 1991 in una sessione NACC cui parteciparono 16 paesi della NATO e nove stati della CEE. Il lancio del programma PfP significava una transizione nel dirigere contatti militari bilaterali con l’alleanza.

Questo indica chiaramente che i leader occidentali avevano sfacciatamente mentito quando promisero di non espandere la NATO avendo definito il nuovo stato della Russia come loro «partner». Anche se la finestra di dialogo politico ha lasciato un po’ di spazio alla Russia, questo non significa in alcun modo una rinuncia alla conservazione della struttura militare dell’Alleanza o della sua avanzata verso est.

Il primo e più importante passo verso l’espansione territoriale della NATO è stata la decisione di ammettere la Germania appena unita nei suoi ranghi. Gli anni successivi videro tre ondate di espansione, a seguito delle quali nove paesi della CEE  entrarono nell’alleanza, così come le tre repubbliche baltiche ex sovietiche. Un’altra dozzina di Stati sono membri del “Membership Action Plan, Intensified Dialogue, and Individual Partnership Action Plan”, tra cui la Georgia e l’Ucraina. La nuova versione del 2010 del Concetto strategico della NATO ha direttamente affermato il suo impegno per l’espansione del blocco, il modo migliore per raggiungere «il nostro obiettivo di un’Europa unita e libera, e la condivisione di valori comuni».

Dato questo contesto, Chuck Hagel, che allora era a capo del Pentagono, stava chiaramente gettando il guanto di sfida quando affermava che l’alleanza «deve fare i conti con una Russia revisionista, con il suo esercito moderno e capace, a portata di mano della NATO».

I fondatori dell’alleanza hanno tracciato un percorso che include  solo l’espansione numerica dei suoi membri. Anche nel Concetto strategico del 1991 era radicata l’idea di espansione della missione Nato oltre i confini della propria competenza precedentemente definita, che secondo il Trattato di Washington comprendeva i territori degli Stati membri e la zona settentrionale a nord del Tropico del Cancro, al parallelo di latitudine di 23° 26′ a nord dell’equatore. Questa espansione della missione ha anche reso necessario un nuovo concetto di difesa, perché ora l’obiettivo era quello di difendere non solo i territori degli alleati, ma anche i loro interessi. Il suddetto  Concetto strategico del 2010 includeva l’osservazione che «l’alleanza  è influenzata e può influenzare gli sviluppi politici e della sicurezza oltre i suoi confini», che dimostra in sostanza che l’Alleanza stava tentando di rivendicare un dominio globale. In realtà, tale documento  riflette solamente la prassi ormai consolidata di utilizzare le forze dell’Alleanza per intervenire in eventi in regioni molto lontane da quello che una volta era la sua giurisdizione dichiarata come in Jugoslavia, Libia,  Afghanistan e ora in Ucraina.

Esaminando tutta la  della storia dei quasi 70 anni dell’Alleanza, si ha la prova che il suo obiettivo primario, come ammise il suo primo segretario generale, il britannico Lord Lionel Ismay, fosse: «Tenere i russi fuori, gli americani dentro  e i tedeschi sottomessi». Questo obiettivo è rimasto fondamentalmente invariato, nonostante il sarcasmo insito in questo assioma. Solo che l’Unione Sovietica è stata sostituita ora dalla Russia.

Il presidente della Federazione Russa ha fatto notare ancora una volta nel suo  discorso del 30 giugno ad una conferenza degli ambasciatori in Russia e dei rappresentanti di organizzazioni internazionali: «La presa di posizione anti-russa della NATO oggi è oggettivamente evidente. L’alleanza non sta solo esaminando il comportamento della Russia, nel tentativo di dimostrare la propria legittimità e la logica della sua esistenza, sta accumulando materiali bellici, per confrontarsi con noi ».

In questo contesto, anche un’altra dichiarazione resa dal capo di stato russo nel corso della sessione plenaria del San Petersburg International Economic Forum sembra di fondamentale importanza. Commentando l’assistenza attiva prestata al regime di Kiev dagli Stati Uniti e la NATO, Vladimir Putin ha dichiarato: «A mio parere questo è stato fatto, tra le altre cose, per giustificare l’esistenza del blocco Nord Atlantico. Hanno bisogno di un avversario esterno, un nemico esterno, altrimenti perché  in primo luogo è necessaria questa organizzazione? C’è qualche  Patto di Varsavia, c’è forse l’Unione Sovietica  contro di loro?».

Il presidente della Federazione Russa ha avvertito che se continuiamo a seguire il percorso di questa logica, infiammando le tensioni e raddoppiando i nostri sforzi per spaventare l’un l’altro, alla fine ci troveremo di fronte a una Guerra Fredda, ma ha affermato: «La nostra logica è completamente diversa. Essa si concentra sulla cooperazione e la ricerca di compromessi ».

Chi ha orecchi, ascolti.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...