REDAZIONE NOICOMUNISTI

Di Jefry M. Tupas, corrispondente del Manila Times

FONTE

[Una domanda sorge spontanea: può la retorica populista influenzare i cuori e le menti, senza i petrodollari? – Frontlines ndr].

Joma considera  Duterte come la versione pinoy (1)  di Hugo Chavez

10 ottobre 2015

Utrecht, Paesi Bassi: José Maria Sison [Joma], presidente fondatore del Partito Comunista delle Filippine (CPP), ha chiarito che non ha appoggiato il sindaco Rodrigo Duterte come il suo preferito prossimo presidente delle Filippine.

joma_sison
José Maria Sison (Joma)

“Ma come posso farlo quando non ha ancora dichiarato di essere in corsa per la presidenza”, ha detto ridendo, di fronte a lui c’era una tazza di caffè intonsa ormai fredda, su un lungo tavolo bianco, il ‘centro’ all’interno l’ufficio del Fronte Nazionale Democratico delle Filippine (NDFP).

Sison insieme al capo del gruppo per la pace del NDFP Luis Jalandoni e al portavoce del NDFP Fidel Agcaoili, recentemente si è seduto con il Times per un colloquio a ruota libera.

Sison ha detto che Duterte ha tutte le caratteristiche per essere un buon leader.

duterte-940x580
Rodrigo Duterte

Ma tra gli aspiranti alla presidenza, i funzionari del NDFP hanno chiaramente da dire alcune cose positive su Duterte, proprio mentre Sison deve ancora dichiarare la sua candidatura presidenziale; a differenza di altri aspiranti alla carica di presidente, Duterte conosce e comprende le lotte del popolo filippino ed è l’unico che ha un’idea di come affrontare il problema della pace nel paese.

Hindi Siya Sakim a kilala Nya ang mga Problema ng Pilipinas (Non è uno avido e conosce e capisce i problemi della gente)”, ha detto Sison.

Se diventa presidente, Duterte può diventare l’Hugo Chavez filippino.

“Ha le caratteristiche di Hugo Chavez”, ha detto Sison, notando come il defunto leader della sinistra venezuelana che galvanizzò lo sviluppo del suo paese quando salì al potere nel 1999. Proprio come Chavez, Duterte, Sison ha detto, è “intrepido e coraggioso”.

Jalandoni ha definito Duterte come il  “più progressita” tra i candidati.

“Solo lui ha stabilito le possibili politiche che sottolineano il suo impegno per la pace. Egli è il più progressista di tutti i candidati”, ha detto.

Si riferiva alle dichiarazioni precedenti di Duterte che metterà in piedi una coalizione con il Partito Comunista delle Filippine per porre fine alla ribellione comunista che dura da 47 anni nelle Filippine.

La possibilità di una coalizione con i governi precedenti era stata proposta dal NDFP, ma le passate amministrazioni avevano sempre respinto questo.

Jalandoni ha fatto anche notare il ruolo di Duterte nel rilascio di diversi prigionieri di guerra a Mindanao e la sua amicizia con il ribelle ucciso del Nuovo Esercito Popolare, Leoncio Pitao o comandante Parago.

ago_1
Il leader rivoluzionario Leoncio Pitao, amico personale di Duterte, caduto l’anno scorso

Duterte ha anche ripetutamente chiesto al governo e al NDFP di riprendere i negoziati di pace, anche offrendosi come negoziatore.

Ma Sison ha anche chiaro che i complimenti a Duterte, un ex studente che non riusciva più a ricordare, erano per il suo tipo di leadership e le sue caratteristiche distinte che lo contraddistinguono dagli altri.

“Pinuri Ko Siya” [L’ ho lodato], ha detto.

I tre hanno parlato degli ostacoli al processo di pace tra governo e il NDFP e le prospettive di rinnovare i negoziati dopo le elezioni del 2016, quando le Filippine, ancora una volta, eleggeranno un nuovo leader.

Sembra che il NDFP si sia già rassegnato al fatto che l’amministrazione Aquino non è affatto interessata a spingere per la ripresa del processo di pace.

Essi hanno riconosciuto che gli aspiranti alla presidenza, Grazia Poe e Jejomar Binay hanno fatto dichiarazioni circa i loro piani di aprire di nuovo i colloqui, ma il NDFP è prudente.

Ho chiesto al trio del NDFP se queste dichiarazioni di ‘promesse’ di Poe, Binay, e Duterte li interessassero. Hanno semplicemente riso.

Connie Ledesma, un membro del gruppo di pace del NDFP, è intervenuta dal retro.

“Forse la questione non dovrebbe essere se il NDFP sia interessato”, ha detto la moglie di Jalandoni, che era presente in ufficio, insieme con la moglie di Sison, Julie.

“Forse dovrebbe essere se il NDFP abbia delle aspettative”, ha detto, dichiarazione che ha generato una risata.

“Queste affermazioni sono affermazioni generiche. Non ci sono dettagli”, ha sottolineato Agcaoili. “Per quanto riguarda Duterte, le sue promesse non sono coerenti.”

NDT: per le miriadi di stolti che non credessero agli stretti contatti tra il presidente delle Filippine, Rodrigo Duterte e i comunisti del NDFP, consigliamo di digitare sul motore di ricerca google, 2 parole: Duterte e NDFP

(1) Si tratta di un termine informale per indicare il popolo filippino

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...