REDAZIONE NOICOMUNISTI

DI LUCA BALDELLI

PARTE I

PARTE II

nicolae-ceausescu-yasser-arafat1

Sulla Romania di Ceausescu se ne son sentite davvero di tutti i colori dell’iride e anche di altre iridi, al momento inesplorate dalla scienza. Stato totalitario, tirannico, oppressivo, con i cittadini costretti, almeno negli anni ’80, a fare la fame, a patire il freddo in case buie e di falansteriche sembianze connotate, tra razionamento alimentare, del riscaldamento, dell’erogazione dell’acqua. E’ andata davvero così? Oppure, come al solito, la propaganda borghese e capitalista ha costruito le sue mistificazioni propagandistiche, manipolando dati statistici, falsificando i fatti storici e pure la cronaca, nel tentativo di demonizzare e gettare una luce oscura, di tenebra, sul socialismo rumeno e su una delle figure storiche, quella di Nicolae Ceausescu, più riottose ad accettare i diktat imperialisti? Vediamo alcuni punti fondamentali, controbattendo passo a passo tutte le false argomentazioni dei professionisti della menzogna.

  1. La Romania di Ceausescu era una Nazione povera e sottosviluppata.

Falsa affermazione, falsa come sola può essere una banconota da 400 euro ! La Romania, uscita disastrata dalla Seconda Guerra Mondiale, che ne aveva compromesso, per la sciagurata alleanza coi nazisti e le mire imperialiste degli anglo – americani, il debole potenziale industriale, distruggendone importanti comparti, con l’avvento del socialismo si risollevò alla grande e, dal 1965 al 1989, sotto la guida di Nicolae Ceausescu, Segretario del PC e poi anche Presidente del Consiglio di Stato e Presidente della Repubblica, raggiunse i più alti traguardi di sviluppo, meravigliando tutto il mondo e precedendo persino il Giappone per percentuale di crescita annua nei difficili anni ’70, quando tutto il mondo era in recessione dopo lo shock petrolifero del 1973. Il Prodotto Nazionale Lordo (valore monetario di tutti i beni e servizi prodotti) crebbe dell’11% su base annua, tra il 1971 ed il 1975. Assumendo come basi di partenza i livelli del 1950, nel 1978 la produzione industriale globale risultava cresciuta di 29 volte, quella agricola di 3,5 volte, gli investimenti di 31 volte, il reddito nazionale di 13 volte, le retribuzioni di 6 volte. Lo sviluppo “multilaterale“, voluto da Ceausescu, divenne insomma una realtà: la Romania, che tradizionalmente aveva una debole industria leggera, un volto eminentemente agricolo, arretrato e quasi bucolico – pastorale, un’industria pesante limitata al settore petrolifero/estrattivo, divenne un Paese sviluppato con un ventaglio pressoché completo di attività, sempre più fiorenti e ricche.

intreprinderea-de-aluminiu-slatina

L’industria petrolifera, di prima qualità, vide un’impennata nella quantità di greggio raffinato: la capacità di raffinazione degli impianti della Romania socialista crebbe infatti da 15.400.000 di tonnellate nel 1970 a 27.071.000 di tonnellate nel 1980, fino a toccare la punta di 30.613.000 tonnellate nel 1989. La Romania divenne, negli anni ’80, una delle 10 Nazioni al mondo produttrici di piattaforme per le esplorazioni petrolifere off – shore. Nel 1988, ben sette di queste piattaforme erano in funzione nel Mar Nero, sotto l’egida del colosso PETROMAR di Constanta. Solo la presenza di maestranze altamente specializzate, l’organizzazione di una ricerca scientifica incentivata a tutti i livelli, la formazione di un apparato di tecnici e specialisti di prima qualità, potevano garantire risultati come questo, solo sognati, e mai realizzati, da Paesi nominalmente ben più avanzati e tradizionalmente forti economicamente. Non è tutto. La produzione di gas naturale crebbe anch’essa a ritmo impetuoso, arrivando a ben 34.000.000.000 e passa di metri cubi nel 1976 e mantenendo, nonostante il fisiologico, naturale calo delle riserve, normale in un Paese a sviluppo intenso accelerato, quote da 23 a 27.000.000.000 di metri cubi tra il 1986 e il 1989. Contemporaneamente, la flotta commerciale rumena giunse a contare, nel 1989, ben 288 navi (oggi, col capitalismo, esse si sono ridotte a….ZERO!), con oltre 30.000 navigatori in possesso del relativo brevetto (oltre il 2% del totale mondiale) e si posizionò al quarto posto nel mondo! Il porto di Constanta, dotato di tutte le strumentazioni e le infrastrutture necessarie, era il terzo, per ampiezza, in tutta Europa! Gli efficientissimi cantieri navali di Galati e Constanta, solo nel 1989, fecero uscire, pronte immediatamente per il varo, navi di 502.000 tonnellate di stazza lorda. Dati che parlano da soli.

combinatul-de-c3aengrc483c59fc483minte-chimice-bacc483u-1978

Nel settore automobilistico, la Romania giunse a produrre, da poco più di 3000 vetture su base annua, fino alla metà degli anni ’60, ben 121.400 esemplari nel 1988, accanto a 17.400 camion. Marchi quali “Dacia“, “Oltcit”, “Aro“ erano noti e richiestissimi in tutto il mondo, mentre nelle competizioni mondiali, si pensi ai rallies, mietevano successi. Automobili affidabilissime e facili da aggiustare, dotate di ottime prestazioni e disponibili a prezzi economici. Se non fosse crollato il potere comunista, negli anni ’90 la produzione avrebbe toccato i 400.000 esemplari annui, ed entro il 2000 ogni rumeno avrebbe avuto l’automobile di proprietà. Non male, per un Paese in cui l’industria automobilistica era stata impiantata 70 anni dopo quella dei più rinomati Paesi capitalistici, aventi risorse ben maggiori e posizioni geografiche ben più propizie per commerci e transazioni. Questo, ed altri aspetti, li vedremo meglio anche più avanti.

fabrica-de-automobile-pitec59fti-1979

  1. La Romania di Ceausescu era una Nazione chiusa, autarchica.

Mentre è sicuro che il PCR e Ceausescu difesero costantemente l’indipendenza e la sovranità della Romania, il suo carattere socialista e “multilateralmente sviluppato“ (ovvero, con una crescita economica potente, accompagnata da una costante elevazione del livello della coscienza di classe e dell’armamento teorico, culturale e pratico della classe lavoratrice), mai il Paese fu chiuso ai commerci internazionali e agli scambi economici, turistici e culturali. Dal 1965 al 1985, il commercio estero crebbe a ritmi medi annui dell’11,1%, dinanzi ad un aumento corrispondente del reddito nazionale pari al 7,6%. In particolare, il movimento delle importazioni fece registrare un incremento del 10,3 %, quello delle esportazioni un aumento dell’11,8%. Specialmente gli anni ’80 videro un massiccio incremento delle esportazioni, e non solo per ripagare, approvvigionando con valuta pregiata la Nazione, il debito estero, nel 1982 ammontante a 13 miliardi di dollari, ma anche per dare uno sbocco sicuro, o quantomeno ragionevole, a una mole di prodotti innovativi, ad alto valore aggiunto, che il Paese andava producendo sempre più e con sempre maggiori accorgimenti nelle sue fabbriche. Non certo solo prodotti petroliferi e dell’industria pesante, ma automobili e autocarri, mobili, vestiti, libri, macchinari. Solo una fabbrica, e nemmeno la più importante a livello nazionale, la NAPOCHIM di Cluj Napoca, produceva la bellezza di 5.000 articoli i più vari: prodotti in plastica, protesi dentarie, materiali per studenti e scolari. Molti di questi venivano assorbiti dal mercato interno, gli altri venivano collocati sul mercato mondiale, assai apprezzati nelle Nazioni tanto socialiste che capitaliste. Negli anni ’80, specchio di tale proiezione internazionale, geopolitica e geoeconomica della Romania, era la TIB, la Fiera Internazionale di Bucarest (Tirgul International Bucuresti), vetrina e passerella per tutte le più recenti e innovative creazioni industriali e artigianali della Romania socialista, dall’industria leggera fino a quella pesante. La Nazione, a quel tempo, esportava annualmente merci per 170/180.000.000.000 di lei in media, importandone per 120/130.000.000.000 e assicurandosi così un avanzo costante nella bilancia dei pagamenti, al fine di coprire il servizio del debito ed anzi eliminare quello stesso debito estero che, cresciuto negli anni ’70 a causa delle politiche commerciali sfavorevoli imposte dalle Nazioni capitalistiche, con interessi crescenti richiesti dal sistema bancario, con politiche restrittive imposte dal FMI e da altri organi, costituiva un cappio al collo foriero di potenziali sventure. Il debito, infatti, era un’arma per piegare la Romania e costringerla a svendere il proprio patrimonio nazionale, oppure a varare misure draconiane capaci di scatenare il malcontento popolare. Questo il senso delle intimazioni al “rientro” del debito imposte nel 1981 al Paese dagli usurai mondiali, mentre altre Nazioni, per contro, tra clausole premiali e accordi paralleli, vedevano piovere sulle loro teste prestiti copiosi e non coperti da adeguate garanzie. Ceausescu ed il PCR, consapevoli di questo piano, vi si opposero fino in fondo e tennero duro, varando misure di austerità non draconiane, come racconta la propaganda capitalista, ma sopportabili, valorizzando fino all’ultima risorsa del Paese onde difenderne sovranità e indipendenza, onde impedirne la svendita alle sirene del capitalismo, pronte a balzare su una Nazione ricca e in crescita continua. Nel 1989, a marzo, Ceausescu annunciò l’estinzione del debito! La Romania era la prima Nazione al mondo con debito estero uguale a zero!!! Un affronto intollerabile a banchieri e speculatori, agli imperialisti e ai loro lacchè, che costerà al Paese il colpo di Stato del mese di dicembre, come vedremo. A questo orgoglio nazionale, tradotto in atti politici ed economici concreti, si abbinava l’ambizione, portata avanti da Ceausescu, di fondare una Banca per il credito agevolato ai Paesi del Terzo Mondo, idea coltivata anche, a differenti latitudini e sotto variegate simbologie politiche, da Gheddafi in Libia, da Lopez Portillo in Messico, da Garcia e Perez de Cuellar in Perù, da Craxi in Italia. Un’idea che, se attuata, avrebbe affermato, assieme al prestigio di certi Paesi, la fine del dominio dell’oligarchia usurocratica che guida il sistema bancario mondiale, facendo il bello ed il cattivo tempo. Quasi nessuno dei Capi di Stato e leader politici patrocinanti quel progetto, come si è visto, ha fatto una bella fine…

avicola-braila

Annunci

5 pensieri su “La Romania di Ceausescu oltre i luoghi comuni: viaggio politico, economico, sociale e fotografico nella vita quotidiana dei suoi cittadini nel corso degli anni ’80 – I

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...