REDAZIONE NOICOMUNISTI

DI LUCA BALDELLI

La propaganda anticomunista ha sempre dipinto l’URSS, come un paese dove la religione era vietata e i credenti delle varie fedi perseguitati. Nulla di più falso, la libertà di culto era garantita dalla Costituzione, precisamente dall’articolo 124 che recita:

allo scopo di assicurare ai cittadini la libertà di coscienza, la Chiesa nell’URSS è separata dallo Stato e la scuola dalla Chiesa. La libertà di praticare culti religiosi e la libertà di propaganda antireligiosa sono riconosciute a tutti i cittadini

Vigeva una netta separazione fra Stato e fede religiosa; dall’articolo del compagno Baldelli:

Tutte le religioni, in Urss, erano assolutamente libere, godevano di piena agibilità per quanto concerneva proselitismo e culto, venivano poste, senza eccezione alcuna, su un piede di parità, contro ogni forma di discriminazione e privilegio. Ai credenti si chiedeva solo e soltanto di rispettare le leggi dello Stato, di servire la Patria fedelmente, di lavorare con integrità ed onestà alla realizzazione del bene comune. Principi giusti, sacrosanti, che nessuno può spacciare per “totalitari” o “dittatoriali”, se non dei dementi o delle persone in malafede cosciente

Nell’articolo che potete leggere in formato PDF, vengono esaminati i reali rapporti tra governo sovietico e l’Islam.

ARTICOLO IN PDF

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...