Il volo di Pjatakov. Capitolo VIII

Presentiamo l’VIII parte dell’inchiesta dei compagni di MondoRosso sull’incontro tra Pjatakov e Trotskij in Norvegia. In questa parte si analizzano in modo logico e minuzioso gli alibi e le giustificazioni di Trotskij, per negare la possibilità dell’incontro con l’esponente del governo sovietico.

Mondorosso

Nessun alibi

Sussistono anche altre tipologie di alibi, oltre a quello “tardivo” esibito da Trotskij e demolito in precedenza.

Per quanto riguarda il volo clandestino e l’incontro segreto di Pjatakov con Trotskij, quest’ultimo poteva anche fornire un “alibi positivo”, e cioè provare attraverso delle testimonianze inattaccabili la sua presenza costante in compagnia di una o più persone insospettabili, in un luogo nel quale ovviamente non si trovasse simultaneamente Pjatakov.

Ma Trotskij poteva altresì proporre anche un “alibi negativo”: ossia non poter dimostrare di essere stato costantemente in un posto “X” attraverso testimoni sicuri, ma in ogni caso riuscire a provare attraverso questi ultimi che il soggetto P (Pjatakov) non sarebbe potuto mai arrivare nel luogo “X” in esame, senza essere subito notato e visto da essi.

E infine, Trotskij poteva avanzare anche l’alibi dell’impossibilità logistico-materiale dell’arrivo in Norvegia del suo presunto interlocutore, ossia di Pjatakov, sostenendo che quest’ultimo non avesse…

View original post 13.065 altre parole

Il volo di Pjatakov. Capitolo VII

Redazione noicomunisti

Vi presentiamo la VII parte dell’inchiesta realizzata dai compagni di MondoRosso, sull’incontro fra Trotskij e Pjatakov venuto alla luce nei Processi di Mosca. Per i compagni che vedessero casualmente questo post e fossero ignari della vicenda, diciamo che Trotskij non solo ha sempre negato l’esistenza di qualsivoglia cospirazione per rovesciare il potere sovietico ma ha sempre dichiarato di non aver più alcun contatto diretto con i suoi vecchi sostenitori che si trovavano ancora in URSS.
Trotskij mentiva spudoratamente.

Mondorosso

L’alibi tardivo di Trotskij

Giudici lettori: “in tutto ciò che affermate c’è qualche cosa che non quadra. Non si era detto in precedenza che Pjatakov arrivò a Berlino il 10 o l’11 dicembre per una missione diplomatica, e che anche Trotskij alla fine si trovò d’accordo sulla data del 10 dicembre?”

Esatto, alla fine successe così: alla fine, però, e molto malvolentieri da parte di Trotskij.

Giudici lettori: “e non è già emerso che, stando almeno alla narrazione di Pjatakov durante il processo di Mosca del 1937, il viaggio in Norvegia di quest’ultimo si verificò al massimo entro due giorni dal suo arrivo a Berlino?”

Esatto: come vedremo in seguito, anche l’amichevole – verso Trotskij – John Dewey constatò che, seguendo e stando al resoconto di Pjatakov, egli avrebbe attuato il suo volo verso la Norvegia entro e non oltre due giorni dal suo arrivo a Berlino, quindi entro e…

View original post 15.637 altre parole