La legalità socialista, pietra miliare del periodo staliniano. Una breve, illuminante riflessione alla luce delle fonti

La legalità socialista, pietra miliare del periodo staliniano. Una breve, illuminante riflessione alla luce delle fonti

REDAZIONE NOICOMUNISTI

Presentiamo una breve riflessione del compagno Luca Baldelli sul ruolo della legalità socialista in Unione Sovietica. Dal testo:

“Il revisionismo kruscioviano e la sua esasperazione ideologico – politica, ovvero il gorbaciovismo distruttore dell’Urss e del socialismo, hanno sempre teso a rivendicare l’esclusività del possesso e dell’applicazione del concetto di “legalità socialista“ come se, dal 1924 al 1953, sotto l’egida di Stalin, tutto fosse stato condotto all’insegna dell’illegalità, dell’arbitrio, della violenza, della sistematica compressione e sospensione di diritti, tutele, garanzie. Come è stato dimostrato nell’arena concreta della storia, le violazioni della legalità socialista sono state massime, fino al culmine dello smantellamento dello Stato sovietico, proprio sotto i revisionisti. Non solo: limitandoci alla turbolenta fine degli anni ’30, possiamo ben dire che le distorsioni e gli abusi verificatisi in sede giuridica in Urss, il debordare delle “purghe“, furono non già lo spartito predefinito dalla politica del VK (b) P né, tanto meno, l’esito concreto di un’inesistente volontà soggettiva di Stalin. Le violazioni della legalità socialista furono, solo e soltanto, la conseguenza dei sabotaggi, delle diversioni e dei complotti messi in atto da infidi elementi al fine di screditare il vertice del VK (b) P, distruggere pian piano il sistema socialista seminando disorganizzazione, sfiducia, delegittimazione delle istanze e delle istituzioni, indirizzare il malcontento della popolazione contro Stalin”.

LINK AL PDF DELL’ARTICOLO

Il volo di Pjatakov. Capitolo VIII

Presentiamo l’VIII parte dell’inchiesta dei compagni di MondoRosso sull’incontro tra Pjatakov e Trotskij in Norvegia. In questa parte si analizzano in modo logico e minuzioso gli alibi e le giustificazioni di Trotskij, per negare la possibilità dell’incontro con l’esponente del governo sovietico.

Mondorosso

Nessun alibi

Sussistono anche altre tipologie di alibi, oltre a quello “tardivo” esibito da Trotskij e demolito in precedenza.

Per quanto riguarda il volo clandestino e l’incontro segreto di Pjatakov con Trotskij, quest’ultimo poteva anche fornire un “alibi positivo”, e cioè provare attraverso delle testimonianze inattaccabili la sua presenza costante in compagnia di una o più persone insospettabili, in un luogo nel quale ovviamente non si trovasse simultaneamente Pjatakov.

Ma Trotskij poteva altresì proporre anche un “alibi negativo”: ossia non poter dimostrare di essere stato costantemente in un posto “X” attraverso testimoni sicuri, ma in ogni caso riuscire a provare attraverso questi ultimi che il soggetto P (Pjatakov) non sarebbe potuto mai arrivare nel luogo “X” in esame, senza essere subito notato e visto da essi.

E infine, Trotskij poteva avanzare anche l’alibi dell’impossibilità logistico-materiale dell’arrivo in Norvegia del suo presunto interlocutore, ossia di Pjatakov, sostenendo che quest’ultimo non avesse…

View original post 13.065 altre parole

VI – parte: La “gita nel ghiaccio” di Trotskij

REDAZIONE NOICOMUNISTI

Da oltre ottant’anni sentiamo ripetere per ogni dove che i Processi di Mosca contro la quinta colonna in realtà furono una montatura orchestrata dallo “spietato tiranno asiatico” Stalin per disfarsi di ogni opposizione.
La realtà come viene sempre più dimostrato da studi storici obiettivi è ben diversa.
In questo filone si inserisce, questo studio, unico nel panorama nazionale, dei compagni di MondoRosso.

VI – parte: La “gita nel ghiaccio” di Trotskij

 

W.H. Wright, alias J.S. Van Dine: “…. e qui sta il punto; chiunque può crearsi un’opportunità o mascherarne l’esistenza con falsi alibi e svariati giochetti… Esistono fin troppi modi, tutti convincenti, di trovarsi sul luogo del crimine quando ci credono lontani e viceversa”[1]. Proprio la proteiforme categoria delle finte malattie e dei falsi alibi, […]

via CAPITOLO SESTO: LA “GITA NEL GHIACCIO” DI TROTSKIJ — Mondorosso

Il ruolo degli avvocati in URSS

Il ruolo degli avvocati in URSS

s2
Come veniva e come viene rappresentata dalla propaganda capitalista  la giustizia in URSS

REDAZIONE NOICOMUNISTI

di LUCA BALDELLI

In Urss, come in tutti i Paesi del mondo, esistevano gli avvocati. Questa notazione, che può sembrare assolutamente lapalissiana, non è in realtà pleonastica né inutile, dal momento che uno dei cavalli di battaglia della propaganda antisovietica è stato ed è quello della sostanziale assenza, in Urss, tanto di uno Stato di diritto quanto di una diritto alla difesa pienamente esercitabile in sede processuale dagli imputati. Nulla di più falso! Dopo la Rivoluzione d’Ottobre, nella Russia sovietica si pose il problema dei diritti riconosciuti ed esigibili dai cittadini in sede di procedura penale: il ciclopico rivolgimento sociale prodottosi esigeva nuovi paradigmi, un capovolgimento radicale delle consuetudini, delle norme, delle prassi, una palingenesi radicale anche del diritto, dei suoi apparati e dei suoi strumenti. In tale contesto, i diritti della difesa furono sempre assicurati, anche nel “terrore” necessitato dalla Guerra civile scatenata dai reazionari filo – zaristi e sostenuta, aizzata, rinfocolata in ogni angolo dalle potenze straniere imperialiste. Pur nella giusta, doverosa punizione di nemici del popolo spietati, pronti a tutto, i quali non si erano limitati a manifestare la loro opposizione a parole, ma si erano levati in armi contro il potere degli operai e dei contadini, mai vennero meno le garanzie per gli imputati dei processi, compresi coloro i quali erano stati sorpresi in flagranza di reato. La “Ceka” mai ricalcò le orme né della Gestapo, né dell’Ovra, né della Pide, né quelle di nessun’altra polizia segreta di stampo fascista votata alla persecuzione dei lavoratori e di pacifici cittadini contrari alla prepotenza istituzionalizzata. La “Ceka”, sia pure con una parentesi di ampia libertà operativa, resa indispensabile dalla cogente necessità di stroncare la controrivoluzione, fu sempre sottomessa al controllo degli organismi politici e della giustizia ordinaria, e come essa tutte le sigle successive nelle quali si “reincarnò” nei decenni: GPU, NKVD, KGB… . L’imputato di questo o quel reato, in Urss, godette sempre dei più ampi diritti alla difesa, alla protezione dei propri beni, alla salvaguardia di sé stesso e della propria famiglia da indebite ingerenze, pressioni, esazioni e interdizioni. L’affermazione di garanzie per l’imputato in sede processuale, miranti ad accompagnarlo nell’iter della giustizia fino alla definitiva chiarificazione della sua posizione, mediante la fase dibattimentale ed in forza di deliberazioni finali collegialmente adottate, non poteva non contemplare il pieno, effettivo riconoscimento della professione forense, non solo sulla carta, ma nei fatti. Fin dalla Costituzione del 1936 ( Capitolo IX, Art. 111 ), il diritto del cittadino alla propria difesa fu riconosciuto nelle fonti giurisprudenziali primarie e, quindi, tradotto nei fatti con tutta una serie di dispositivi normativo – applicativi, che ripresero ed affinarono a loro volta le decisioni adottate fin dagli albori della Rivoluzione. Naturalmente, accanto ai legali penalisti operarono sempre quelli civilisti, esperti in questioni riguardanti, appunto, il diritto civile: anche in uno Stato socialista, infatti, la legge conserva tutto il suo valore, assieme alla condizione strettamente legata al suo dominio e da essa scaturente, ovvero la legalità. La creazione di un nuovo ordine fondato sulla giustizia, l’equità, l’abolizione dello sfruttamento, la partecipazione popolare a tutti i processi sociali e produttivi in forma di autogoverno, non elimina, da subito, la necessità di un filtro, di una protezione giuridica, né cancella, come per un colpo di bacchetta magica, le vecchie sopravvivenze capitalistico – borghesi, le sclerotizzate sovrastrutture derivanti dalle convenzioni sociali per secoli riconosciute e praticate, al punto da rendere superflua l’esistenza di un corpus di leggi. Fu così che, con la Rivoluzione d’ Ottobre, nacquero in Urss, in ogni centro cittadino, i Collegi degli Avvocati, organismi collegiali di legali, abilitati all’esercizio della professione: a sancirli e riconoscerli nella loro esistenza ed operatività, fu la Legge n. 36 del 1922, poi modificata ed integrata nel 1923, con le Leggi giudiziarie n. 23 e n. 26. Per fare il proprio ingresso nel rango di questi Collegi, un legale doveva vantare alcuni necessari requisiti:

  • Servizio di due anni nel sistema giudiziario sovietico con una qualifica non inferiore a quella di investigatore;

  • Diploma di Laurea ottenuto presso l’Istituto Giuridico Sovietico;

  • Frequentazione dei corsi serali del medesimo Istituto, con superamento almeno di un esame

I compiti di detti Collegi erano plurimi e vari: assistenza agli imputati dei processi, formulazione di pareri, consigli, chiarimenti su disposizioni giuridico – legislative a chiunque li richiedesse, divulgazione di informazioni utili al cittadino per l’esercizio dei propri diritti e l’ottemperanza ai propri doveri.

I Collegi ricevevano onorari differenziati a seconda dei profili degli assistiti e regolati da specifici provvedimenti, consensualmente adottati: il cittadino a basso reddito non doveva pagare nulla, mentre tutti gli altri erano chiamati a corrispondere una modesta parcella, per giunta rateizzabile, fatta salva, a discrezione degli interessati, la possibilità per il legale di concordare con l’assistito un onorario supplementare. I Collegi incassavano gli onorari e poi li redistribuivano ai legali in base a criteri squisitamente meritocratici: chi aveva una mole di lavoro più pesante e trattava cause più impegnative riceveva di più, chi si occupava di casi più “semplici” riceveva, proporzionalmente, di meno. In questo modo, si evitò, per quasi tutto il periodo di esistenza del potere sovietico, il sorgere di un ceto forense caratterizzato dalla proliferazione, al proprio interno, di indebiti privilegi, favoritismi, “massonerie” comunque mascherate.

Gli avvocati che non esercitavano nei tribunali e negli organismi giuridici, potevano prestare la loro opera all’interno di aziende, Enti pubblici, cooperative ecc…

Mai gli avvocati, checché ne dica la propaganda anticomunista, furono vittime, in Urss, di prevaricazioni, pressioni, limitazioni volte a coartare la loro azione e le loro prerogative. Anzi, una notizia è particolarmente significativa: negli anni ’30, l’85 % degli avvocati non era iscritto al Partito Comunista. Durante i tanto citati processi degli anni ’30, i Collegi dei legali difesero fino alla fine anche gli imputati con i capi d’accusa più tremendi; nei tribunali sovietici, mai si derogò al principio del diritto di difesa, nemmeno quando in ballo vi furono eversori e cospiratori con agganci eccellenti in Patria e all’estero: Tukhachevskij, Zinov’ev, Bucharin e altri ancora poterono usufruire di un’assistenza giuridica completa, scrupolosa, a tratti agguerrita. Fu la fondatezza dei reati a loro carico, e non altro, a determinare i giudizi di condanna emessi nei riguardi di questi personaggi, ma questo la propaganda borghese non l’ha mai riconosciuto e non lo riconoscerà mai! Certamente, in Urss non c’era posto per Azzeccagarbugli intenti a dimostrare, con abilità dialettica e piglio sofistico degni di miglior causa, che il bianco era nero e viceversa. Questi pietosi esercizi dialettici, offensivi della verità, tipici di una parte consistente della casta degli avvocati borghesi e del suo teatrino quotidiano, non trovarono mai cittadinanza nel Paese dei Soviet, dove la sostanza sempre trionfò sulla forma e dove l’onestà nell’esercizio del diritto di difesa non varcò mai le colonne d’Ercole della decenza, della dignità, del rispetto delle vittime e delle parti lese, armonizzandosi sempre con l’educazione e lo spirito quasi “pedagogico”, formativo, dei processi. Ogni volta che nella dialettica dipartimentale le argomentazioni dell’accusa emersero come schiaccianti, incontrovertibili, dai banchi della difesa non si levarono mai domande capziose volte a coprire i rei, né inviti a parlar d’altro per coprire la sostanza, ma, al massimo, vi fu il logico, normale, giusto appello alla clemenza ed alla mitigazione delle richieste di condanna; in altri casi, dinanzi all’emergere di un profilo di reità assolutamente indiscutibile e coinvolgente le più alte articolazioni dello Stato, vi furono legali che si unirono alle richieste di condanna formulate dall’accusa, dopo che le loro agguerrite difese erano franate dinanzi all’evidenza. Tutto ciò non deve far gridare allo scandalo, anche perché, in altri casi, pur se riguardanti imputazioni gravissime, i legali furono ugualmente decisivi per ribaltare le intenzioni dell’accusa! In Urss, l’avvocato era parte integrante dello Stato, araldo della difesa della collettività dalle mire della sovversione borghese, partecipe dello sviluppo di una scienza e di una prassi giuridiche calibrate sulla difesa dell’individuo in quanto parte di un tessuto sociale nel quale diritti e doveri marciavano uniti e compatti. Dovrebbero piuttosto suscitare scandalo la forma mentis e l’azione dei legali borghesi nei nostri ordinamenti, che anche dinanzi a dei rei confessi non sottoposti ad alcuna pressione, o di fronte a casi evidenti di colpevolezza, giocano ai sofismi più impensabili, sfoderano gli artigli per arrampicarsi sugli improbabili specchi dell’ipocrisia fino alla fine, facendo perdere tempo, sciupando risorse di tutti, o accordandosi con i giudici per tirare avanti i processi fino alla calende greche con il solo fine di dilatare, assieme al tempo… anche i loro guadagni, accumulati sulle spalle di imputati illusi o partecipi della sceneggiata!

A riprova del prestigio del quale la professione forense godette in Urss, possiamo evidenziare un semplice dato: solo a Mosca, all’inizio degli anni ’50, erano più di 1000 gli avvocati inquadrati nei Collegi loro afferenti e nelle attività dei tribunali, senza contare tutti quelli che, invece, prestavano servizio altrove.

Una figura che testimonia, in maniera evidente, degli ampi diritti garantiti alla difesa nei processi del periodo sovietico, è senza dubbio Semjon L’ Vovic Arja (1922 – 2013). Di famiglia ebraica, pluridecorato per la Grande Guerra Patriottica, Arja fu un vero principe del foro in Urss: con vibrante passione difese, nel 1970, J. Mendelevitch, ebreo autore, assieme ad altri suoi amici e complici, del dirottamento di un aereo. Grazie all’opera del Collegio difensivo capitanato da Arja, non solo le richieste di esecuzioni capitali furono stralciate, ma si riuscì a ottenere, per il Mendelevitch e per tutti gli altri, pene più miti, in termini di anni di reclusione, rispetto a quelle normalmente comminate per reati simili. La perizia e l’estrema abilità di Arja, che incantavano pure gli accusatori, furono determinanti anche per l’assoluzione, nel 1978, in prima battuta, dell’attrice Valentina Milyavina, accusata per l’omicidio del marito Stanislav Zhdankov. A riprova del potere dei legali in Urss, e sempre con riferimento a questo caso particolare, fu proprio l’opera del Collegio degli Avvocati a garantire, nel 1983, la revisione del processo, con l’impegno degli assistenti legali della famiglia Zhdankov. Arja, assurto alla più alta celebrità, fu decisivo anche nella difesa di imputati del calibro di Sacharov, Ginzburg, Bykov, chiamati in occidente “dissidenti” per nascondere le loro azioni antisovietiche, svolte in violazione delle leggi, che nulla avevano a che vedere con opinioni espresse e preferenze dichiarate verso questo o quel sistema politico.

Intanto, negli anni ’70 il dettato costituzionale era diventato ancor più rigoroso, preciso e circostanziato riguardo ai diritti della difesa nei tribunali: la Costituzione dell’Urss del 1977 contemplò al proprio interno tutta una seria di articoli oltremodo garantisti e scritti, a differenza dei testi giurisprudenziali occidentali e borghesi, in maniera chiara e inequivocabile. Vediamo alcuni esempi.

Art. 157: “L’Amministrazione della giustizia è pubblica in tutti i tribunali. La celebrazione delle cause a porte chiuse è ammessa solo nei casi stabiliti dalla legge, rispettando nel contempo tutte le norme procedurali”.

La limitazione alla pubblicità dei processi, dunque, era sottoposta a riserva di legge rafforzata, in quanto, anche in caso di processi a porte chiuse, non si poteva derogare dalle normali procedure!

Art. 158: “Si assicura all’imputato il diritto alla difesa”.

Non una generica rassicurazione, da “pacca sulle spalle”, ma una petizione di principio che non ammetteva deroghe! Non si garantiva infatti quel diritto con giri di parole, ma lo si ASSICURAVA! Non vi erano dunque deroghe, nemmeno in circostanze particolari!

Il tutto, corroborato dal precedente Articolo 155: “I giudici e i giurati popolari sono indipendenti ed obbediscono solo alla legge”.

L’Art. 161 ribadì una legge al servizio di tutti e realmente uguale per tutti: “L’assistenza giuridica ai cittadini ed agli enti viene prestata dai collegi degli avvocati. Nei casi previsti dalla legge l’assistenza giuridica ai cittadini viene prestata gratuitamente”.

Nessuno si vedeva impossibilitato a difendersi per la sua precaria o svantaggiata posizione economica, come avviene regolarmente negli Stati capitalistico – borghesi, dove il sacrosanto diritto del cittadino onesto a vedersi riconosciuta un’incontestabile ragione viene pressoché sempre calpestata da falangi di avvocati ben pagati da padroni e politici, pronti a far credere che Madre Teresa di Calcutta militava nelle SS. Il più autentico liberalismo, sancito a parole dai sacri testi istituzionali borghesi, in Urss veniva sistematicamente applicato, per intima convinzione e missione del popolo e dei suoi governanti liberamente scelti.

Questo il quadro della professione forense, del riconoscimento e dell’esercizio del diritto di difesa in sede processuale in Urss : un faro per tutti coloro i quali credono che un diverso stato di cose, che un diverso ordinamento sociale ( e quindi giuridico) siano non solo possibili, ma pure necessari !

Riferimenti bibliografici e sitografici

Sidney e Beatrice Webb: “Il comunismo sovietico. Una nuova civiltà” (2 volumi, Einaudi, 1950)

Paolo Robotti: “Nell’Unione Sovietica si vive così” (Edizioni di Cultura sociale, 1953 )

http://www.adamoli.org/gelasio/unit%C3%A0/lettere/lettera-185.html

http://www.dircost.unito.it/cs/pdf/19361205_urssCostituzione_ita.pdf

(testo della Costituzione sovietica del 1936)

https://noicomunisti.wordpress.com/2016/06/05/la-costituzione-dellurss-del-1936/

La nuova Costituzione sovietica” ( Editori Riuniti , 1977 ).

Solovki: l’arcipelago della mistificazione antisovietica

Solovki: l’arcipelago della mistificazione antisovietica

REDAZIONE NOICOMUNISTI

DI LUCA BALDELLI

Sul sistema del GULAG sovietico abbiamo già avuto modo di scrivere[vedasi qui, qui, qui, qui e qui] mettendo in luce distorsioni, il più delle volte grottesche, della verità storica, racconti fantasiosi, oscene bugie, documenti contraffatti e rivenduti al gran bazar dell’antisovietismo. Di certo, le falsificazioni più evidenti, smaccate e, in ultima analisi, maldestre, sono quelle che hanno riguardato la storia della struttura concentrazionaria sita presso le Isole Solovki. La propaganda anticomunista ed antisovietica insiste nel ripetere che, in quelle remote isole dell’estremo Nord delle Russie, a 160 km dal Circolo polare artico, funzionò un campo di lavoro che, in realtà, era un autentico campo di sterminio, presso il quale si registrarono decessi in massa e orrori inenarrabili, il tutto per colpa del Partito Comunista dell’Urss, di Stalin e della dirigenza sovietica. Ci troviamo così dinanzi all’ennesima bugia, che va smontata con il sempre valido criterio illuministico dell’analisi delle fonti, specie quelle anticomuniste, nella maniera più rigorosa e scrupolosa possibile. Le fonti, a dispetto di una pretesa oggettività insuperabile, non parlano mai da sole, ma sempre alla luce dell’ambiente nel quale sono state concepite, create e diffuse. Ogni fonte è stata sempre addotta, strumentalizzata, piegata ai fini della propaganda di questa o quella fazione. Sta agli amanti della verità, ai marxisti – leninisti autentici, restituire i contorni veri del quadro di volta in volta raffigurato, oltre la cortina fumogena della propaganda.

main20map
Dove si trovano le isole Solovki

Come nasce la storia delle Solovki? Nel 1918, davanti alla controrivoluzione aristocratica, borghese e clericale contro il neonato Paese dei Soviet, con le bande reazionarie potentemente sostenute dalle potenze borghesi e dai loro eserciti, i distaccamenti dell’Armata Rossa e della Ceka decidono la confisca delle scorte alimentari del Monastero delle Solovki, secolare sito religioso, scorte in abbondante eccesso rispetto alle necessità quotidiane dei religiosi presenti e pronte per essere messe a disposizione delle formazioni controrivoluzionarie e degli eserciti stranieri intenzionati a costituire ovunque, nel territorio della Russia, teste di ponte per il balzo finale sul quartier generale del nuovo potere operaio e contadino.

whiteseamap-1

In questo quadro, il Monastero delle Solovki, stupendo, pregevolissimo dal punto di vista storico – artistico, non solo non viene rovinato, intaccato nella sua struttura, ma altresì protetto, con misure severissime, da ogni atto vandalico. La convivenza fra potere sovietico e monaci va avanti per due anni: nel 1920, infatti, vivono nel complesso monastico ben 400 monaci e 200 novizi, liberissimi di riunirsi, pregare, scrivere e predicare. Nessuno torce loro un capello. Di questa libertà, non gentilmente concessa, ma sancita ufficialmente nei codici e nei provvedimenti varati dal potere sovietico, all’insegna della più rigorosa separazione fra Stato e Chiesa, approfitta, come sempre è avvenuto nella storia, una parte del clero per condurre in porto progetti eversivi. Mentre il popolo compie sacrifici pesanti, sovente inumani, nella guerra civile scatenata dai controrivoluzionari, stringendo la cinghia fino quasi all’esaurimento fisico e psichico, nelle fresche cantine delle Solovki, negli androni sotterranei del Monastero, anche dopo le confische del 1918 si sono andati accumulando viveri, bevande e armi in quantità. Queste ultime sono perfettamente oliate e funzionanti, pronte per equipaggiare le bande zariste e reazionarie sempre più in crisi, dinanzi all’avanzata inarrestabile dell’Armata Rossa e del potere sovietico. Una Commissione speciale guidata dal cekista M.S.Kedrov, su mandato del governo centrale, compie un sopralluogo e verifica de visu l’intollerabile situazione esistente. Ci vuole tutta la saggezza dei quadri bolscevichi più maturi e coscienti per impedire che, dinanzi allo spettacolo sorprendente di quarti di carne, sacchi pieni di farina, scatole di caviale e pesce essiccato, barili gementi sotto al peso dei funghi sott’olio, casse piene di pistole e fucili, scoppi, con esiti incontrollabili, la furia degli operai e dei contadini in forza alla Ceka, i quali, spesso, non hanno che un paio di stivali logori e non mangiano che un tozzo di pane con un’aringa e un po’ di tè in un’intera giornata. Il desiderio di giustizia sommaria, comprensibile ma non ammissibile per l’etica bolscevica, viene represso e l’autorità si fa valere con saggezza, clemenza e ponderazione: non avviene nemmeno una fucilazione, bensì soltanto l’espulsione dei monaci dalle Solovki, con la bonifica di una centrale controrivoluzionaria di primaria importanza. Alcuni religiosi, che non avevano mai condiviso i traffici in favore dei controrivoluzionari organizzati dai vertici del clero, e per questo erano stati puniti, minacciati, emarginati, vedono nella decisione del potere sovietico una liberazione e denunciano alla Ceka l’Archimandrita Veniamin, al secolo Vassilij Kononov (1868 – 1928). A tal proposito, la propaganda reazionaria ed antisovietica ha sempre parlato di pressioni indebite, torture, costrizioni alla base delle denunce a carico del vertice monastico dell’Arcipelago. Niente di più assurdo e ridicolo si sarebbe potuto sostenere! E’ infatti talmente forte l’evidenza dei beni occultati e dell’armamento nascosto, che ogni atto indebito di pressione sui religiosi, oltre che immorale e non consono al potere sovietico, sarebbe anche perfettamente inutile ed insensato. Come se, nella Roma antica, qualcuno avesse sentito la necessità di torturare Bruto per fargli ammettere la partecipazione all’omicidio di Cesare!

solivetsky-island-closeup

Tutto è sotto gli occhi di tutti, in quel fatidico 1920 e negare la realtà lampante sarebbe, semplicemente, ridicolo. Nel famoso “Arcipelago della fame”, dunque, i pingui e paonazzi monaci, novelli Trimalcioni, si erano dati alla pazza gioia, alla faccia dell’ascetismo sbandierato ai quattro venti: funghi, frutti di bosco, pesce… Sulla loro tavola nulla era mancato e si erano anche accumulate scorte per rifocillare chi, armi in pugno, stava saltando al collo del nuovo Stato degli operai e dei contadini con la volontà di riportare in sella affamatori e parassiti.

solovki-001
Monastero della Trasfigurazione del Salvatore Gesù Cristo

L’Archimandrita Venjamin ed il suo braccio destro, il monaco Nikifor, vengono dunque arrestati ed esiliati a Kholmogory, nella Regione di Arkhnagel’sk, dove vengono messi ai lavori forzati, precisamente a tagliare legname, per poi essere liberati nel 1922, vivi e perfettamente in salute. Nei lager degli hitleriani, amici ed alleati di reazionari come quelli russi, per loro sarebbe andata diversamente…

whiteseacanal-1
Al lavoro per la costruzione del canale del mar Bianco

La cosa più infamante, però, è che tra i capi d’accusa a carico del vertice monastico figurava pure… il furto e l’occultamento di arredi sacri! Altro che le “razzie” dei bolscevichi, cavallo di battaglia mai stanco della propaganda antisovietica di ogni epoca. Proprio alcuni monaci, preti e loro sodali rubavano a man bassa patrimoni preziosi e consacrati a Dio, per rivenderli e lucrare somme favolose sul simoniaco commercio. In quel 1920/22, tocca proprio ai governo dei “senza Dio” bolscevichi reintrodurre, in tutte le Russie, il rispetto per il Padreterno, per la fede e per l’arte sbocciata in secoli e secoli di devozione popolare sincera, genuina quantunque regolarmente strumentalizzata dallo spregiudicato ceto dominante. Solo degli atei convinti possono restaurare, in quelle gelide terre, il rispetto per il messaggio evangelico, traviato e distorto da chi se ne è fatto sempre scudo per comandare, rubare e arricchirsi.

presos-2
La costruzione di una ferrovia

Venjamin e Nikifor, stabilitisi nell’insediamento careliano di Volkozera, muoiono carbonizzati nel 1928, nell’incendio della loro casa, provocato da masnadieri giunti sul posto per tentare un furto dal vicino villaggio di Korovinskaja. La mendace propaganda anticomunista cercherà di mettere in relazione il fatto con moventi politici, ma, come sempre, niente di tutto questo risulterà vero: la giustizia sovietica, con prontezza e senza sconti, condannerà i due autori del misfatto (uno dei quali semideficiente e con precedenti per furto e violenze) rispettivamente a 10 e 8 anni di carcere duro.

getimage2_468
Prigioniere addette alla raccolta della legna

Intanto, fin dal 1920, allontanati i monaci, anche col consenso della parte “sana” dei religiosi, quella intenzionata a ricostruire altrove una vita spirituale autentica e scevra da maneggi politici, il potere sovietico aveva pensato di trasformare il complesso delle Solovki in un campo di lavoro per controrivoluzionari, attuando sul posto il principio del riscatto dei rei attraverso l’opera del braccio e della mente. Nel 1921 giunge un primo, sparuto contingente di prigionieri, in quello che viene definito con l’acronimo russo di SLON (“Severn’imi lagerjami osobogo naznachenija”, ovvero “Campo del Nord per scopi speciali”).

012
Detenuti in trasferimento

All’inizio del 1923, la GPU della Repubblica Socialista Federativa Sovietica Russa (organo che nel 1922 ha sostituito la Ceka), nella persona del suo Vicepresidente, I.S. Unshlikht, decide il trasferimento del primo corposo nucleo di detenuti da Arkhangel’sk alle Solovki. Un provvedimento dell’OGPU (Direzione politica unitaria dello Stato) del 18 agosto 1923, presentato ed approvato in sede di Consiglio dei Commissari del Popolo della RSFSR, specifica che nel campo delle Isole poste all’estremo nord della Russia, debbono essere ospitati “detenuti politici e criminali comuni condannati”.

042_02
Detenuti a Murmask in transito per l’arcipelago

Lungi dall’essere un “campo di sterminio”, come ancora oggi favoleggia la storiografia d’accatto, intonata al diapason dell’odio anticomunista, quello delle Solovki diventa un sito esemplare, anche a seguito di numerosi controlli ed ispezioni volti ad eliminare disfunzioni e combattere abusi. Tutto viene razionalmente organizzato, predisposto ed attuato, specie a partire dal 1925 e i detenuti, attraverso il lavoro, riscattano se stessi ed il loro onore compromesso, diventando ”uomini nuovi” mondati dai germi del parassitismo, della devianza, dell’ostilità preconcetta verso le regole della pacifica ed ordinata convivenza. Non tutto è perfetto, anzi sabotatori e deviazionisti cercano in ogni modo di far fallire i piani, ma i controlli e la vigilanza dello Stato sovietico non difettano e correggono regolarmente la rotta, riportando il campo, a più riprese, sulla giusta via.

image043
Donne addette alla raccolta della torba

Nel 1926/27 funzionano i settori della lavorazione del legname, dell’estrazione della torba, della pesca, della macellazione degli animali marini, dell’allevamento, dell’industria ceramica, meccanica e conciaria. Da un deserto di ghiaccio, le Solovki diventano un sito fiorente e all’avanguardia, appetibile anche per cittadini liberi che vi si vogliano insediare. Come tutto questo possa essere compatibile con un panorama di genocidio pianificato, solo il dio della propaganda anticomunista può saperlo! La popolazione delle Solovki, limitandoci soltanto al numero dei detenuti, conosce un aumento costante e massiccio fino al 1933, anno nel quale si decide lo smantellamento del campo ed il trasferimento dei detenuti presso i campi del Mar Bianco – Mar Baltico. Ecco il quadro demografico dell’insediamento:

1923 2.557 detenuti
1924 5.044 detenuti
1925 7.727 detenuti
1926 10.682 detenuti
1927 14.810 detenuti
1928 21.900 detenuti
1929 65.000 detenuti
1930 71.800 detenuti
1931 15.130 detenuti
1932 N.D., ma presumibilmente attorno ai 17.000 detenuti
1933 19.287 detenuti

Le cifre dal 1931 al 1933 sono specchio non certo di massacri avvenuti, di tassi di mortalità devastanti, ma solo e semplicemente del decongestionamento spinto avviato dalle autorità, in vista dello smantellamento del sito. Occorre sottolineare che l’Arcipelago delle Solovki ha un’estensione pari a 347 kmq, pertanto la densità di popolazione, solo limitando le considerazioni ai detenuti presenti, era arrivata, nel 1930, a 206,91 persone per ogni kmq: un tasso decisamente troppo alto, che se da una parte attestava il livello di sviluppo raggiunto dall’organizzazione economica e politica dell’Arcipelago, dall’altro, in un contesto di isolamento geografico, in un sito approvvigionabile solo a prezzo di gravose spese, e con la pesante ipoteca della stagione invernale, rischiava di trasformare una voce attiva in un oneroso, ingiustificabile passivo.

044
Kem, il campo di transito delle Isole Solovki

Riguardo alla demografia, un documento è basilare per ogni ragionamento. Esso, infatti, smentisce in maniera categorica ogni tesi sterminazionista relativa alla storia delle Solovki: si tratta della registrazione dei decessi (riferimento: RGASPI F. 17, OP. 21, D. 184, L. 400 – 401), custodita negli archivi di Stato ex sovietici aperti dopo il 1991. In tale documento, si parla di 7500 decessi tra il 1923 e il 193, dei quali 3500 avvenuti nel 1933 per “difficoltà alimentari”. Ora, sia che si prenda per buono e autentico il documento, sia che se ne neghi la validità, da esso non si può ricavare in alcun modo il quadro di un luogo di sterminio: al netto dell’eccesso di mortalità del 1933, infatti, il documento ci offre una cifra di 4000 morti in 9 anni, ossia di 444 decessi su base annua. Considerando, dai dati prima menzionati, una popolazione media di 25/26.000 persone nel periodo 1923/1932, abbiamo una mortalità media del 17,5 per mille, tasso assimilabile a quello della mortalità generale della popolazione sovietica e perfettamente paragonabile a quello della mortalità generale nei Paesi capitalisti europei: in Francia, ad esempio, il tasso di mortalità nel 1925 era pari al 17,6 per mille, quello del 1929 al 18,1 per mille, quello del 1930 al 15,8 per mille e quello del 1933, infine, al 16 per mille. In Italia, per le medesime annualità, i tassi erano rispettivamente del 17,1 per mille, del 16,4 per mille, del 14,1 per mille, del 13,7 per mille. Il tutto va considerato tenendo conto di un piccolo particolare: le Solovki non avevano e non hanno certo un clima paragonabile a quello della Costa Azzurra o del Golfo di Napoli… -20/-30 gradi erano e sono la regola meteorologica, con tutte le conseguenze anche sulla vita concreta di chi le abitava e le abita, fatto questo generalizzabile al 90% del territorio ex sovietico e troppo spesso dimenticato da chi pretende di vestire i panni dello “studioso”. Se poi consideriamo i dati sulla mortalità emersi nel Processo di Norimberga, riferiti ai lager nazisti, il paragone diventa un parallelo tra un luogo di vacanza e un girone dantesco: a Mathausen, ad esempio, nel 1938 il tasso di mortalità era del 35 per mille, quello del 1939 del 139 per mille; a Buchenwald, invece, negli stessi anni, il tasso di mortalità era rispettivamente del 108 e del 147 per mille. Nei luoghi di detenzione dei Paesi capitalisti e nazifascisti si moriva dunque molto di più, e non certo per cause naturali, come capitava al 99% dei detenuti delle Solovki, alcuni dei quali banditi e furfanti giunti nei luoghi di detenzione già feriti e menomati nel fisico a causa delle loro scorrerie criminali. Oltretutto, i documenti che escono dagli archivi ex sovietici sono tutti da prendere con le molle: un buon 50% e oltre degli incartamenti resi noti dopo il 1991, infatti, come dimostra ampiamente il caso dei documenti riguardanti Katyn, sono stati falsificati, interpolati, o sono espressione di “depistaggi” di funzionari infedeli. Spesso non sono mancati neppure falsi timbri e false firme, per rendere le patacche più credibili, come ha dimostrato (non smentito da nessuno) il Deputato comunista russo Ilyukhin nel 2010 [vedasi qui]. Ad esempio, non è peregrino pensare che un 20 – 30% dei decessi registrati alle Solovki, così come in altre articolazioni del GULAG, siano state in realtà, almeno in determinati periodi, “evasioni mascherate” di detenuti, ovvero evasioni spacciate per morti onde evitare sanzioni e punizioni a carico dei dirigenti del campo. Oppure, considerato che, a detta pure di studiosi e funzionari di provata fede anticomunista, quali Jurij Brodskij, LIdija Golovkova, Marina Osipenko, la gran parte dei quadri amministrativi del campo delle Solovki, compresi gli addetti alle registrazioni degli arrivi, delle partenze e dei decessi, era costituito da religiosi detenuti, non è campato in aria ipotizzare che essi, per diminuire artatamente il numero delle risorse umane disponibili, onde mandare all’aria i piani di valorizzazione delle Isole, abbiano gonfiato il numero dei decessi in sede di registrazione, secondo una prassi individuata e perseguita fin dal 1933 nelle ZAGS (Uffici anagrafe) di tutta l’Urss, con misure correttive adottate nel 1934/35, prima fra tutti la determinazione del 21/09/1935 sulla registrazione del movimento naturale della popolazione, resasi necessaria a seguito di sabotaggi attuati da ex kulaki, guardie bianche, pope e aristocratici infiltratisi tra i funzionari, i quali erano adusi emettere due o tre certificati di morte per uno stesso decesso. Il fenomeno può aver acquistato una dimensione particolare proprio nel 1933, anno nel quale i sabotaggi giunsero al culmine, con falsificazioni di rapporti e documenti onde spingere il vertice bolscevico a credere alla bufala della carestia. In quel periodo, il campo delle Solovki era diretto da due loschi individui avvicendatisi a breve giro di posta: Je. I. Senkevich e Ja. A. Bukhband, l’uno in contatto con i circoli nazionalisti polacchi, autori di piani di invasione dell’Urss con la formazione della “Grande Polonia” estesa fino al Mar Nero, l’altro elemento di punta di un’organizzazione terroristica che, attraverso diffusione di false notizie, atti di diversione, attentati sanguinosi, avrebbe dovuto eliminare Stalin ed il vertice bolscevico. I due venivano smascherati, assicurati alla giustizia e condannati alla fine degli anni ’30.

68308262ea51c80792eee9df9c366eaf

Si è parlato pure di scheletri, teschi ritrovati nei boschi, atti turpi ed inenarrabili di pratiche cannibalistiche diffuse tra i detenuti. Notizie incontrollabili, false, fantasiose o distorte e “montate” a partire da elementi oggettivi. Nei boschi delle Solovki, ad esempio, sono stati ritrovati sì dei teschi, ma, con ogni probabilità, essi appartenevano a detenuti fuggiti e morti a causa dell’asprezza del clima, per colpa di complici traditori evasi con loro, oppure a persone eliminate dai monaci per evitare testimonianze scomode sui furti di arredi sacri, oppure ancora a sbandati ed avventurieri finiti lì e smarritisi chissà quando. Nessuno ha potuto legare quei resti a nomi e cognomi precisi. Di certo, non sta in piedi la favola dei detenuti abbandonati nelle macchie dai “crudeli assassini” della Ceka, Gpu o NKVD, a seconda delle denominazioni via via assunte dagli organismi di gestione dell’ordine pubblico e della vita dei campi. E’ semplicemente folle ipotizzare che, in un sistema concepito per massimizzare la produttività del lavoro sociale dei detenuti, orientandola verso il loro stesso bene e verso il bene della Patria sovietica, si pianificasse l’abbandono a se stessi di centinaia, anzi migliaia di prigionieri/lavoratori. Ciò sarebbe stato uno spreco intollerabile, oltre che un atto moralmente riprovevole, un crimine. Per lo stesso motivo, la tesi delle razioni da fame non sta in piedi: per vivere e lavorare a quelle temperature c’era bisogno di una dieta ricca e varia e lo Stato non poteva non assicurarla, a meno di non pianificare uno sterminio che, come stiamo verificando, era impossibile, essendo ospitati in quell’Arcipelago non “razze inferiori” da decimare (come avveniva, indubbiamente, nei lager nazisti), ma persone da redimere e rendere utili al progresso civile ed economico. Oltre a quanto garantiva lo Stato, vi erano i pacchi inviati dalle famiglie (come avveniva in ogni altro campo di lavoro, checché ne dicano studiosi in malafede!) e i generi reperibili nel ricco ambiente naturale delle Solovki: pesce in abbondanza dai numerosi laghi e laghetti esistenti, funghi presenti in quantità nei boschi ecc… La vigilanza non era poi occhiuta e onnipresente come si è sempre detto e scritto, ma permetteva momenti di libertà, piccole “ore d’aria” preziose per ritemprarsi e anche per… scappare, come testimoniano numerosi casi di evasione, tipo quello raccontato, con infiorettamenti romanzeschi e bugie di contorno, da G.D. Bezsonov (1891 – 1970), morto in tarda età all’estero, nel libro “Ventisei prigioni e fuga dalle Solovki”.

Le stese foto rese pubbliche a partire da archivi desecretati negli ultimi 26 anni, sbugiardano clamorosamente la tesi di detenuti in condizioni oscene, pietose, inumane: nessuno, in queste immagini, appare mal vestito o mal calzato. Tutti sono provvisti di giubbe pesanti, scarponi resistenti, stivali, caldi berretti di pelliccia e guanti adatti per lavorare al freddo pungente di quelle latitudini.

Il potere sovietico, altresì, negli anni ’30 fa letteralmente di tutto, come abbiamo accennato, per migliorare costantemente le condizioni dei detenuti, colpendo episodi di abusi e soperchierie, e ancor più favorendo una vita piena, anche spiritualmente, degli ospiti della struttura concentrazionaria dell’Arcipelago: i detenuti, infatti, possono inoltrare reclami, scrivere lettere, dedicarsi al canto, alla poesia, all’arte. Alcuni progettano addirittura utensili, aerei e infrastrutture innovative. Un’orchestra ed una compagnia teatrale si distinguono per bravura e successo. Il dirigente F.I. Eykhmans, negli anni ’20, promuove addirittura la nascita di una rivista delle Solovki, dal titolo “SLON” (l’acronimo russo del campo) con contributi di detenuti e personale addetto; la rivista raggiunge le 900 copie e viene anche diffusa all’estero.

Sono gli stessi studiosi anticomunisti che ci informano poi di un fatto incontrovertibile e assai significativo: negli anni ’20 – ’30, sull’Isola funzionano pure regolarmente luoghi di culto: una cappella per i cattolici e una per gli ortodossi. Al venir meno di detenuti praticanti, e non per chissà quale demoniaca volontà, i due siti religiosi vengono riconvertiti per altri utilizzi.

image044
Gorkij in visita alle Solovki

Il grande Gorkij, alla fine degli anni ’20, può rendersi conto con i suoi propri occhi della realtà delle Solovki: egli si reca in quel pittoresco punto dell’estremo Nord russo e ammira una realtà di emancipazione, rivoluzione culturale, prima che politica, volontà tesa al bene, riscatto.

“Per me la conclusione è ovvia – scrive il celebre letterato – Abbiamo bisogno di campi come quello delle Isole Solovki”.

Lo studioso Georgij Osorgin, nipote di un detenuto delle Solovki, poi fucilato, ha preteso sostenere che, nell’Arcipelago in questione, vigeva la “legge delle Solovki”. Egli ha detto una parziale verità: alcune guardie e certi funzionari, è vero, hanno compiuto azioni riprovevoli, in certi anni, ma sono stati puniti e sostituiti, o fucilati, non appena il potere sovietico è venuto a capo delle loro angherie, come attestano i casi citati dei responsabili apicali Senkevich e Bukhband.

076_01
Alexandere Nogtev diresse il complesso delle Isole Solovki nel 1932-1934. Venne arrestato nel 1938 per attività controrivoluzionaria e terrorismo e scontò 15 anni di reclusione . Liberato nel 1945, morì a Mosca nel 1947.

Infine, a rafforzare le considerazioni sull’assenza di una mortalità di massa come quella forzosamente accreditata dalla storiografia bugiarda, è l’ “albo d’oro” dei detenuti famosi delle Solovki, verificabile anche da wikipedia: esso ci mostra come praticamente nessuno di coloro i quali sono transitati, in diverse epoche, nelle strutture concentrazionarie dell’Arcipelago, vi ha trovato la morte. E’ il caso di A. Tolstopyatov (1878 – 1945), di I.E. Anichkov (1897 – 1978), di N.P. Anchiferov (1889 – 1958), di V.A. Artemev (1885 – 1962), di A.A. Meier (1874 – 1939), di I.N. L’ysenko (1917 – 2015), di D.S. Likhaciov (1906 – 1999), tutti studiosi, militari pluridecorati, artisti, filosofi passati per le Solovki e ad esse regolarmente sopravvissuti, ad onta della vulgata sterminazionista. Accanto a loro, una pletora di altri nomi, tutti verificabili da fonti al di sopra di ogni sospetto.

Insomma, le Solovki, oltre che un meraviglioso luogo naturale, una fucina di esperimenti di ingegneria umana avanzati, si possono definire anche, col sestante rivolto alla rotta dell’anticomunismo e dell’antisovietismo… l’Arcipelago delle menzogne! Senonché, però, esse hanno, come sempre, le gambe corte e la durata nel tempo non è un requisito del quale possono menar vanto!

Riferimenti bibliografici, sitografici e audiovisivi

Jurij Brodskij: “Solovki. Le Isole del martirio” (La Casa di Matriona, Seriate, 1998).

Sidney e Beatrice Webb: “Il comunismo sovietico: una nuova civiltà”. 2 voll. (Einaudi, Torino, 1950).

Orlando Figes: “Sospetto e silenzio” (Mondadori, Milano, 2009).

Ludo Martens: “Stalin. Un altro punto di vista” (Zambon editore, 2005)

https://www.youtube.com/watch?v=481ajL2Tj-E&t=1140s

http://demoscope.ru/weekly/knigi/polka/gold_fund08.html
(in russo, di fonte chiaramente anticomunista, ma utile per capire, leggendolo tra le righe, il piano di sabotaggio nelle registrazioni del movimento della popolazione in Urss negli anni ’30)

https://ru.wikipedia.org/wiki/%D0%A1%D0%BE%D0%BB%D0%BE%D0%B2%D0%B5%D1%86%D0%BA%D0%B8%D0%B9_%D0%BB%D0%B0%D0%B3%D0%B5%D1%80%D1%8C_%D0%BE%D1%81%D0%BE%D0%B1%D0%BE%D0%B3%D0%BE_%D0%BD%D0%B0%D0%B7%D0%BD%D0%B0%D1%87%D0%B5%D0%BD%D0%B8%D1%8F
(in russo, utile per una ricognizione sui personaggi famosi detenuti alle Solovki e sui loro destini, nonché per un’analisi dei dati sulla popolazione dell’Arcipelago e il numero dei decessi negli anni ’30/’30).

Le menzogne di Trotsky – Quali sono e cosa significano

Le menzogne di Trotsky – Quali sono e cosa significano

REDAZIONE NOICOMUNISTI

DI GROVER FURR

Professore della Montclair State University, Montclair, NJ 07043 Stati Uniti d’America. Quello che segue è una presentazione tenuta alla 7° Forum Mondiale del Socialismo, del Centro di Ricerche per il Socialismo Mondiale Research Center, presso l’Accademia Cinese delle Scienze Sociali (CASS), il 22 ottobre 2016.

FONTE

TRADUZIONE DI GUIDO FONTANA ROS
La personalità e gli scritti di Leon Trotsky sono stati a lungo un punto di raccolta nel mondo per gli anticomunisti, ma durante gli anni ’30 Trotsky deliberatamente mentì nei suoi scritti a riguardo di Joseph Stalin e dell’Unione Sovietica. Nel mio nuovo libro, Trotsky’s Amalgams, discuto alcune delle menzogne di Trotsky che hanno ingannato la gente e demoralizzato i comunisti onesti per decadi.
Nel gennaio del 1980 l’Archivio Trotsky dell’Università di Harvard venne aperto ai ricercatori. Nel giro di pochi giorni Pierre Broué, il più importante storico trozkista del tempo, scoprì che Trozky aveva mentito. Trotsky aveva sempre negato che alcun “blocco degli oppositori”, includente anche i trozkisti, fosse mai esistito in Unione Sovietica. Trozky definiva questo un “amalgama”, volendo alludere che fosse una montatura da parte di Stalin. Questo “blocco” fu il principale soggetto del Primo e del Secondo Processo di Mosca del gennaio 1937 e del marzo 1938. Broué dimostrò, grazie alle lettere di Trotsky e del figlio Leon Sedov, conservate nell’Archivio Trotsky, che questo blocco in realtà esisteva.
Nel 1985 lo storico americano Arch Getty scoprì che l’Archivio Trtosky di Harvard era stato sì ripulito dai materiali compromettenti, ma in modo incompleto. Anche Getty trovò le prove che Trotsky invece era rimasto in contatto con alcuni dei suoi vecchi sostenitori all’interno dell’Unione Sovietica. Trosky negò sempre strenuamente questo, affermando di aver tagliato ogni tipo di legame con coloro che avevano “capitolato” dinanzi a Stalin e che avevano pubblicamente rinunciato alle idee trozkiste. Di nuovo Trosky stava mentendo. Nel 2010 il ricercatore svedese Sven-Eric Holmström, pubblicò un articolo sulla questione dell’ Hotel Bristol nel quadro del Primo Processo di Mosca dell’agosto 1936. In codesto articolo Holmström dimostra che Trotsky mentiva per l’ennesima volta.
Nel 2005 cominciai a studiare in modo sistematico tutte le accuse contro Stalin e Beria che Nikita Khruschev fece nel suo infame “Discorso segreto”. Scoprii che neanche una delle cosiddette “rivelazioni” di Khruschev poteva essere supportata da prove, ma durante gli anni ’30 Trotsky aveva rivolto lo stesso tipo di accuse a Stalin che in seguito furono ripetute da Khruschev. Il fatto che Khruschev non fece altro che mentire, suggeriva che anche Trotsky aveva mentito. Grazie a Broué e a Getty potei sapere che trotsky aveva mentito su punti molto importanti. Ogni investigatore, in ogni giallo, deve chiedersi:”Costui su che altro mente?”.
Stabilii di studiare i suoi scritti per determinare quali affermazioni di Trotsky potessero essere verificate. In questo modo avrei avuto delle prove indipendenti per controllare la veridicità di ogni accusa che Trotsky scagliò contro Stalin, trovai che Trotsky di nuovo aveva mentito. Oggi ho talmente tante prove che non basta un libro per racchiuderle tutte. Così ci saranno 2 altri volumi sulle menzogne di Trotzky. Il secondo volume sarà pubblicato all’inizio del 2017.
Tra il settembre 2010 e il gennaio del 2013, feci ricerche e scrissi un libro sull’assassinio di Sergei Mironovich Kirov del 1 dicembre 1934, il Primo segretario del Partito di Leningrado. Quel libro, The Murder of Sergei Kirov, fu pubblicato nel giugno 2013. L’assassinio di Kirov è la chiave dell’alta politica sovietica del resto degli anni ’30:

  • i tre Processi pubblici di Mosca, dell’agosto 1936, del del gennaio 1937 e del marzo 1938, talvolta definì “Processi farsa”;
  • la “Purga contro i militari” o la “Questione Tukhachevsky” del maggio e del giugno del 1937;
  • l’Ezhovshchina, dal luglio 1937 all’ottobre 1938, che gli accademici anticomunisti chiamano “Grande terrore” sulla scia del libro disonesto di Robert Conquest.

Trotsky scrisse anche sull’inchiesta sull’assassinio di Kirov. Egli identificò gli articoli che leggeva sulla stampa comunista francese e sovietica. Scoprii che Trotsky mentiva su quello che questi articoli raccontavano sull’inchiesta circa l’assassinio di Kirov. Trosky fabbricò una storia secondo cui Stalin e i suoi collaboratori erano responsabili della morte di Kirov. Ancora una volta Trotsky mentiva su quello che aveva letto sul giornale francese comunista L’Humanité e sulla stampa sovietica,a cui Trotsky accedeva nel giro di un solo paio di giorni dalla pubblicazione a Mosca.

Le menzogne di Trozky dovrebbero essere immediatamente evidenti a chiunque confronti gli articoli dei quotidiani russi e francesi, che egli leggeva e che affermava di analizzare e studiare accuratamente. Sembra che nessuno fino ad oggi l’abbia mai fatto. Il risultato fu che la versione falsificata da parte di Trosky dell’assassinio di Kirov, che Stalin e il NKVD avessero ucciso Kirov, fu ripresa non solo dai suoi seguaci ma anche da Nikita Khruscev.
Nel suo “Discorso Segreto”, completamente falso, Khruschev aggiunse ulteriore credibilità alla storia che “Stalin uccise Kirov”. Khruschev e i suoi scrittori di discorsi probabilmente attinsero direttamente da Trotsky. La favola di Trotsky secondo cui “Stalin aveva ucciso Kirov” fu trasmessa da Khruschev ai professionisti della propaganda anticomunista come Robert Conquest e parecchi altri. Alla fine degli anni ’80 gli uomini Mikhail Gorbachev cercarono fallendo, di trovare negli archivi sovietici prove a supporto di questa storia.
Aleksandr Iakovlev, ideologo di punta, lì rispedì a scartabellare gli archivi per cercare di nuovo. Ancora una volta gli uomini della squadra di ricerca del Politburo non trovarono alcuna prova che potesse suggerire l’uccisione di Kirov da parte di Stalin. La storia della montatura “Stalin uccise Kirov” è un buon esempio di un certo numero di balle vere e proprie inventate da Trotsky siano state recepite dagli anticomunisti sovietici come Khrushcev e Gorbachev e dagli anticomunisti filocapitalisti dell’Occidente. Nel mio nuovo libro Trotsky’s “Amalgams” rivelo e discuto una seria di altre deliberate bugie da parte di Trotsky su Stalin e l’Unione Sovietica. Tutte queste balle sono state adottate dagli anticomunisti e dai trozkisti. Nel secondo e nel terzo volume di questo libro tratterò degli intrighi di Trotsky con i sabotatori e con i fascisti all’interno dell’URSS, con i nazisti e con i militaristi giapponesi.
All’inizio del 1937, Trosky riuscì a persuadere John Dewey, il famoso pedagogo, e alcuni altri, a tenere udienze per determinare se le accuse rivolte a Trotsky, nei “Processi farsa” del’agosto 1936 e del gennaio 1937 a Mosca, fossero vere. La Commissione stabilì decisamente che Trotsky fosse innocente e che i Processi di Mosca fossero una mera macchinazione. Ho studiato con molta attenzione le 1.000 pagine dei materiali della Commissione Dewey. Ho scoperto che la Commissione fu fu disonesta dimostrando una disarmante incompetenza. Fece errori su errori nei ragionamenti logici. La cosa più interessante è che Trotsky mentì alla Commissione parecchie volte. Non sarebbe stato possible che la Coomissione abbia dichiarato Trotsky “non colpevole” se i membri fossero stati a conoscenza che Trotsky stava loro mentendo. Vorrei menzionare brevemente due sezioni del mio libro. Sono: il mio progetto di verifica, che è mirato a controllare le testimonianze del Processi di Mosca e la mia disamina degli errori che commette la maggior parte dei cultori della storia sovietica, errori che li rendono incapaci di comprendere il significato delle prove che ora abbiamo.
La testimonianza resa dagli accusati nei tre Processi di Mosca pubblici è universalmente dichiarata falsa. Estorta ad uomini innocenti dall’accusa, il NKVD. “Stalin”. Non c’è mai stato un brandello di prova a sostegno di questa nozione. Nondimeno è ostinatamente ripetuta da TUTTI gli specialisti in storia sovietica, come da tutti i trozkisti. Grazie agli anni passati ad identificare, cercare, collocare nello spazio gli eventi, ottenere e studiare fonti primarie, ho compreso che oggi ci sono abbastanza prove per controllare molte delle affermazioni fatte dagli imputati ai Processi di Mosca. Ho dedicato i primi 12 capitoli di Trotsky’s Amalgam ad una accurata verifica di molte dichiarazioni degli imputati dei Processi di Mosca, confrontandole con prove oggettive ora disponibili; viene fuori che gli imputati dei Processi di Mosca stavano dicendo la verità. Trostky, Khruschev e i suoi uomini, gli “esperti” sovietici della “guerra fredda”, Gorbachev e i suoi uomini e gli accademici di oggi specializzati in studi sovietici, tutti affermano che i Processi furono una montatura. Con le prove ho dimostrato che si sbagliano. Le dichiarazioni testimoniali (confessioni) rese ai Processi di Mosca sono quello che dicono di essere: dichiarazione che gli imputati hanno scelto di rendere. Ho sottoposto a verifica tutto questo con una una gran messe di riscontri probatori al di fuori degli stessi processi e e perfino al di fuori dell’Unione Sovietica. Questa è una conclusione importante. Questo risultato in se stesso invalida il “paradigma antistaliniano” della storia sovietica. E contribuisce anche ad invalidare la versione di Trosky della storia sovietica, versione cui il movimento trozkista oggigiorno continua a credere e a diffondere.
Quelli tra noi, ricercatori, attivisti e altri, che vogliono trovare la verità sulla storia sovietica del periodo di Stalin e che non vogliono attenersi meramente alle nostre idee preconcette, ora sono in possesso di una quantità di risultanze che rovesciano completamente la convenzione del paradigma antistaliniano della storia sovietica. I fatti inclusi sono i seguenti:
  • il fatto che Nikita Khruschev abbia mentito in ogni accusa contro Stalin (e Lavrenti Beria) nel suo sconvolgente “Discorso Segreto” al XX Congresso del CPSU del febbraio 1956. Questo vuol dire recisamente che i ricercatori di Khruschev non trovarono alcun vero “crimine” di Stalin o Beria e così furono costretti alla falsificazione.
  • il fatto che, nonostante una certosina ed estenuante ricerca negli archivi nel 1962-1964, la “Commissione Shvernik” di Khruschev non poté trovare alcuna prova che suggerisse che gli imputati del Processi di Mosca o quelli dell’ “Affare Tukhacewsky” fossero vittime di una “montatura” o che in qualche modo avessero mentito nelle loro confessioni.
  • il fatto che neppure i ricercatori di Gorbachev e di Eltsin o altri ricercatori anticomunisti, che fin da allora avevano avuto ampio accesso agli archivi ex sovietici, sono stati in grado di trovare alcuna prova che possa confutare le conclusioni nel caso dell’assassinio di Kirov, nei Processi di Mosca o nelle Purghe dei militari.
  • il fatto che le confessioni ai Processi di Mosca, sono autentiche.
  • il fatto che Ezhov e solo Ezhov, non Stalin e i suoi sostenitori all’interno della dirigenza sovietica, è responsabile per le esecuzioni di massa del periodo maggio 1938 – novembre 1939, conosciuto dagli accademici come “Ezhovshchina” e dai propagandisti anticomunisti come “Grande Terrore”.
  • il fatto che, nei suoi scritti sull’URSS dopo l’omicidio di Kirov, Trotsky mentì parecchie volte per coprire la sua complicità nei complotti.
  • il fatto che la maggior parte degli odierni accademici che si occupano del periodo di Stalin in URSS mentono per ingannare i loro lettori. Questo, tuttavia, può essere scoperto solo studiando approfonditamente e meticolosamente le loro fonti. La scuola trotzkista è fortemente ancorata in modo parassitico alla scuola anticomunista maggioritaria. Di seguito un esempio. In una recensione apparsa sul ferocemente antistaliniano World Socialist Web Site, (wsws.org) del libro Stalin dello storico Stephen Kotkin dell’Università di Princeton, il recensore trozkista si riferisce approvandole, le affermazioni antistaliniane di Oleg Khlevniuk, definendolo il rispettato storico russo Oleg Khlevniuk (link all’articolo). Khlevniuk è un fanatico anticomunista e anche un bugiardo patentato in tutte le sue opere. Khlevniuk è un antistalinista; WSWS.ORG è una pubblicazione trozkista naturalmente antistalinista; quindi i trozkisti concedono “fiducia” al più grande bugiardo anticomunista del mondo odierno! Del resto la scuola maggioritaria anticomunista fu plasmata dagli scritti dello stesso Trotsky per decenni. Trostky, naturalmente, sapeva di mentire:
  1. sul “blocco dei destri, trozkisti, degli zinoveviani e degli altri oppositori”;
  2. sul suo coinvolgimento nell’assassinio di Kirov del dicembre 1934;
  3. sul suo complottare con i congiurati militari dell’Affare Tukhachevsky per un golpe contro il governo di Stalin e per pugnalare alle spalle l’Armata Rossa duranti un’invasione ad opera della Germania o del Giappone;
  4. sul suo complottare con i nazisti e i militaristi giapponesi;
  5. sul suo cospirare con i fascisti e coni suoi seguaci all’interno dell’URSS per sabotare le industrie, i trasporti e le miniere;
  6. sulle accuse e sulle confessioni degli imputati ai Processi di Mosca, che Trotsky sapeva essere autentiche;

Trostky sapeva di aver mentito, più e più volte, nel suo Bollettino dell’Opposizione. Trotsky sapeva di ripetere le stesse menzogne alla Commissione Dewey.

La Guerra Civile Spagnola
E Trotsky sapeva di mentire ai suoi seguaci, inclusi quelli più stretti come Andreas Nin, Erwin Wolf e Kurt Landau. Nin era stato uno dei più stretti assistenti politici di Trotsky. Si supponeva che Nin avesse rotto con Trotsky nel 1931, ma nel 1930 Nin scriveva in un giornale trozkista che i seguaci di Trozky in URSS che avevano ritrattato la loro fede politica in Trotsky e promesso fedeltà alla linea del Partito, l’avevano fatto in malafede. L’avevano fatto per rimanere nel Partito per continuare a reclutare altri complici dei loro complotti segreti. Quindi, benché Nin avesse apertamente rotto con il movimento trozkista in senso organizzativo, le sue azioni i Spagna suggeriscono che si trattava di una copertura per mantenere un collegamento segreto con Trotsky.
Anche i comunisti spagnoli e il NKVD sovietico condividevano questo sospetto. Nin divenne uno dei capi del POUM, un partito antisovietico e antistalinista che era molto amichevole verso Trostky. Erwin Wolf andò in Spagna come rappresentante politico di Trotsky. Egli operava in questo modo per guidare una “rivoluzione” contro la Repubblica Spagnola, giusto nel mezzo della guerra con fascisti spagnoli aiutati da Hitler e Mussolini. Nin e Wolf corsero questi rischi poiché credevano che Trotsky fosse innocente dalle accuse che erano state fatte contro di lui nei Processi di Mosca. Ritenevano Trotsky e non Stalin, un vero comunista e un vero rivoluzionario. Di conseguenza pensavano di andare in Spagna per fare ciò che Lenin avrebbe voluto.
Nel maggio 1937 una rivolta scoppiò contro il governo della Spagna repubblicana a Barcellona. Il POUM e i trozkisti spagnoli aderirono entusiasticamente a questa rivolta. Wolf e landau pensarono di poter dare inizio a una rivoluzione di stile bolscevico, vedendo se stessi come come novelli Lenin, il POUM come i bolscevichi, il governo repubblicano come i capitalisti e i comunisti spagnoli e sovietici come falsi socialisti alla Kerensky! La “rivolta dei giorni di maggio di Barcellona”, fu una malefica pugnalata alla schiena alla Repubblica durante il tempo di guerra. Fu domata in meno di una settimana. Dopo di che la polizia spagnoloa e il NKVD sovietico diedero la caccia ai trozkisti e alla dirigenza del POUM. Andreas Nin fu certamente rapito, interrogato e quindi ucciso dalla polizie spagnola e sovietica. La stessa fine toccò probabilmente a Landau e a Wolf.
I sovietici sapevano ciò che noi oggi sappiamo: che Trotsky stava cospirando insieme ai tedeschi, ai giapponesi e ai militari implicati nell’ “Affare Tukhachevsky”, ma Nin e Wolf certamente non sapevano nulla di tutto questo. Essi credettero nella professione di innocenza di Trotsky. Se Andreas Nin, Erwin Wolf e Kurt landau, avessero saputo quello che Trotsky sapeva e che noi ora sappiamo, sarebbero andati in Spagna per compiere le istruzione di Trotsky? Impossibile! Quindi Trotsky inviò questi uomini in una situazione estremamente pericolosa mentendo loro sulle proprie azioni e scopi e su quello che Stalin stava facendo. E questo costò le loro vite. La stessa cosa è vero per tutti quei trotzkisti che furono fucilati nella stessa Unione Sovietica. Evidentemente, ce n’erano centinaia. Tutti loro sostenevano Trotsky perché credevano alla sua versione della storia sovietica ed erano stati convinti dagli scritti di Trotsky che Stalin stesse mentendo, che i Processi di Mosca fossero una montatura e che il regime di Stalin avesse abbandonato lo scopo della rivoluzione socialista mondiale. Quegli uomini e quelle donne non avrebbero seguito Trotsky se avessero saputo che stava loro mentendo.
Nel primo capitolo di Trotsky’s “Amalgams” esamino gli errori che molti studiosi di storia sovietica, inclusi gli accademici professionisti, quando si confrontano con prove provenienti da fonti primarie. La verità è che pochi, inclusi gli storici di professione, sanno come esaminare le prove storiche. Pochissimi marxisti hanno dimestichezza con un’esame materialistico delle prove o sono capaci di riconoscere o criticare un argomento idealistico quando se lo trovano di fronte. Questi errori non sono solo errori di “negazione” da parte di persone che non vogliono che siano demoliti i i loro preconcetti filo trotzisti o antistalinisti. La maggior parte o tutti gli stessi errori sono fatti anche dagli antirevisionisti filostalin. Le argomentazioni anticomuniste sono state così soverchianti, non solo nella forma filocapitalista durante la “Guerra Fredda”, ma anche fra gli apparentemente filocomunisti ma in realtà anticomunisti scritti delle ere di Khruscev e di Gorbachev; questo ha degradato il modo di pesare di tutti noi.
Le bugie di Trotsky che Pierre Broué e Arch Getty scoprirono 30 anni fa furono ignorate. Questo stesso fatto merita una spiegazione. Negli anni ’80 e ’90 Broué continuò a trovare e a scriverci sopra, altre menzogne di Trotsky, ma nonostante tutto egli continuò a negare l’importanza di queste menzogne. Broué ignorò anche le scoperte di Getty. Primo, l’Archivio Trotsky era stato “espurgato” del materiale compromettente; secondo, Trotsky era rimasto in contatto con gli oppositori come Radek con cui, spergiurava di aver rescisso ogni legame. Vadim Rogovin, prominente storico trozkista della storia sovietica dell’era di Stalin, si unì alla copertura di Broué ed introdusse anche alcune menzogne di suo. I trozkisti e i guerrafondai della “Guerra Fredda” continuano ad ignorare le scoperte di Broué o in alternativa ripetono l’affermazione di Broué che si tratta di bugie senza alcuna importanza. Noi possiamo capire perché facciano così.
Il fatto che Trotsky mentì, conduce a smantellare quello che io chiamo “paradigma antistalin”: le versioni della storia sovietica proprie dei trozkisti e degli anticomunisti della “Guerra Fredda”. Naturalmente Trotsky doveva mentire.
Egli stava dirigendo una grande congiura per rovesciare Stalin, insieme a molti complici all’interno dell’Unione Sovietica e in seno al Partito Bolscevico, essendo colluso con la Germania nazista, con il il Giappone militarista, con l’Inghilterra e con la Francia. Un complotto richiede segretezza e menzogne. Dopo tutto chi ingannava Trotsky? Non di certo Stalin e il governo sovietico. Essi sapevano che stava mentendo. La conclusione è inevitabile: Trotsky mentiva per ingannare i suoi seguaci! Essi erano i soli a credere a qualsiasi cosa che Trotsky scrivesse.
Credevano che Trotsky fosse il vero, originale leninista di principi che affermava di essere e che Stalin fosse un bugiardo. Questo costò la vita della maggior parte dei suoi sostenitori in Unione Sovietica, allorquando il trozkismo fu messo fuorilegge come alto tradimento dello stato sovietico a causa del complotto di Trotsky con la Germania e con il Giappone. Questo portò i seguaci di Trotsky all’estero a sprecare le loro vite in un culto devoto di un uomo che, in realtà, faceva proprio ciò di cui era imputato di fare dall’accusa e dagli imputati dei Processi di Mosca.
La figura di Leon Trotsky getta un’ombra gigantesca sulla storia dell’Unione Sovietica e quindi sulla storia mondiale del XX secolo. Trotsky fu la più prominente, realmente la sola in vista, figura dell’opposizione nelle dispute di fazione che scossero il Partito Bolscevico negli ani ’20. Fu appunto negli anni ’20 che Trotsky attrasse a sé il gruppo di persone che formarono l’Opposizione Unita e i cui complotti fecero così tanto, irreparabile danno al Partito, al Comintern e al movimento comunista mondiale.

Conclusioni

Cosa implicano le menzogne di Trotsky, di Khruscev e che siano state ignorate per così tanto tempo?

Cosa comporta per la principale questione che dobbiamo affrontare, noi e qualche miliardo di lavoratori nel mondo oggi? Io mi riferisco alla questione del perché il meraviglioso movimento comunista internazionale del 20° secolo sia crollato, il movimento che 70 anni fa, trionfante nella Seconda Guerra Mondiale , nella rivoluzione comunista cinese, nei movimenti anti-coloniali in tutto il mondo, sembrava di essere su punto di porre fine al capitalismo e portare alla vittoria del socialismo mondiale?
Come convincere i lavoratori, gli studenti e gli altri che conosciamo il motivo per cui il vecchio movimento comunista non è riuscito nei suoi scopi e che abbiamo imparato che dobbiamo fare in modo diverso per evitare di ripetere quei fallimenti in futuro? Dobbiamo studiare la questione. Abbiamo anche bisogno di discuterne, trattando e discutendo punti di vista diversi ma documentati.
Quindi dobbiamo difendere l’eredità del movimento comunista internazionale all’epoca di di Lenin e, in particolare, durante il tempo di Stalin. Allo stesso tempo, non dobbiamo avere alcun timore di criticare, in modo da scoprire quali errori abbiano fatto al fine di non ripetere nuovamente gli stessi errori. A mio giudizio, e spero che sia anche il vostro, scoprire le ragioni del crollo del magnifico movimento comunista internazionale del 20° secolo è la più importante questione storica e teorica per tutti gli sfruttati di oggi, vale a dire la stragrande maggioranza del genere umano. Per avere qualche speranza di riuscita, dobbiamo pensare con coraggio, di “andare dove nessuno è mai giunto prima”. Se noi facessimo finta di credere che “Marx ed Engels avevano tutte le risposte” o che “Lenin aveva tutte le risposte” (molti trozkisti, naturalmente, credono che “Trotsky aveva tutte le risposte”), allora avremmo la garanzia, al massimo, di ottenere ben di meno di quello che loro hanno conquistato. Marx ha detto che i grandi eventi storici si verificano due volte “la prima volta come tragedia, la seconda volta come farsa”.

La tragedia del movimento comunista internazionale del 20° secolo è stata, in ultima analisi, quella di non avere ottenuto la vittoria finale. A meno che non capiamo dove hanno sbagliato, siamo destinati alla “farsa.” Potrebbe essere un crimine politico, il nostro crimine. Quindi, dobbiamo guardare con occhio critico a tutta la nostra eredità. Il detto preferito di Marx era: “De omnibus dubitandum” – “Dubita di tutto”. Marx sarebbe stata l’ultima persona al mondo ad escludere se stesso da questo interrogatorio.

La storia non può insegnare direttamente le lezioni. E la storia non è teoria politica. Ma se facciamo le domande giuste, la storia può aiutarci a rispondere. Nel frattempo, tutti noi dovremmo diffondere in tutto il mondo e in ogni modo che, come Kruscev e Gorbaciov, Trotsky ha mentito, mentito dimostrabilmente e palesemente e, per di più, che mentono anche tutti gli “esperti” anticomunisti e antistalinisti ingrassati dalle università e dagli istituti di ricerca capitalisti.

Dobbiamo sottolineare che l’unica via da seguire è quella di costruire un nuovo movimento comunista per sbarazzarci del capitalismo. E che per fare questo, abbiamo bisogno di imparare dagli eroici successi e anche dai tragici errori, dei bolscevichi nel periodo in cui l’Unione Sovietica è stata guidata da Joseph Stalin. La mia speranza e il mio obiettivo è quello di contribuire, attraverso la mia ricerca, a questo progetto che è così vitale per il futuro delle persone che lavorano in tutto il mondo. Grazie.

Mandel’stam: vittima di Stalin o dell’eversione antistalinista ed antisovietica?

Mandel’stam: vittima di Stalin o dell’eversione antistalinista ed antisovietica?

REDAZIONE NOICOMUNISTI

DI LUCA BALDELLI

Un’altra presunta “vittima” dello stalinismo: il poeta e scrittore Osip Emil’evic Mandel’stam.

Fu veramente una vittima del “peggiore tiranno” del secolo scorso?

Oppure siamo di fronte all’ennesima menzogna della propaganda anticomunista?

Come andò realmente questa vicenda ce lo spiega il compagno Luca Baldelli.

ARTICOLO IN PDF